Sindacato Comparto Sicurezza e difesa: legge di stabilità, la politica del “tiramm a campà”

585

Il chiacchiericcio sulla Legge di stabilità, dura da tempo e le aspettative erano molte, soprattutto  sul fronte della riduzione fiscale, per dare respiro alle famiglie, ai lavoratori , alla imprese.  Il Consiglio dei Ministri ha approvato una Legge di stabilità, a giudizio del Sindacato Comparto Sicurezza e Difesa (SCSD), ha dichiarato il Segretario Generale Antonio de Lieto,  insipida, per nulla coraggiosa, che voleva accontentare tutti, ma che ha scontentato tanto. Da segnalare i micro aumenti in busta paga, dovuti alla riduzione del cuneo fiscale . Non vi sono stati i paventati tagli sulla sanità. C’è da segnalare la comparsa di nuove e strane sigle, come la Trise, che comprenderà Imu, Tares e Tarsu. Si colpisce ancora una volta, il Pubblico impiego con il blocco della contrattazione, meno straordinari. Le liquidazioni, sempre per gli statali, che superano i 50.000 euro, verrebbero corrisposte non in un’unica soluzione ma in due tranche .

Anche i pensionati con più di tremila euro lordi al mese, vengono colpiti con il congelamento della pensione, cioè  con nessun aumento relativo al costo della vita. Forse il Governo  Letta crede che con circa 2.000 euro ( tanto rimane di 3.000 euro, al netto delle tasse), si riesca a vivere da nababbo, non pensando che se il pensionato  deve pagare l’affitto, stenta, e di molto, ad arrivare alla fine del mese. Ovviamente questa Legge dovrà essere approvata in Parlamento e può, quindi, essere modificata, cosa che ci auguriamo. Il SCSD  è consapevole delle enormi difficoltà in cui si dibatte il Paese, ma ritiene che sia necessario uno scatto, una politica economica che eviti  all’Italia, la fine di altri Paesi e per fare questo, la ricetta è una sola: ridurre drasticamente le tasse, attirare capitali: riprenderanno i consumi, la produzione e l’occupazione. Con tasse di tutti i tipi, con una burocrazia asfissiante, sarà impossibile, a giudizio del SCSD – ha concluso DE LIETO – uscire dal pantano economico, in cui si trova, il Paese e sarà sempre nuova e più massiccia disoccupazione.
SEGRETARIO NAZIONALE
Anna Paternostro

Commenti Facebook