TermoliMusica/ Successo per la Conferenza-Concerto su Florestano Rossomandi

196

TermoliMusica sorprende ancora con le sue proposte musicali innovative pur restando ancorati alla tradizione del concerto classico. Aprire la sessione invernale, serie di 5 concerti che vanno dal 20 gennaio al 17 marzo, coprendo 3 mesi di programmazione culturale che culminerà nel Concorso Internazionale “Prodigi della Musica per 4 Stagioni Educational” (che si svolgerà a Termoli dal 2 al 7 aprile p.v.) .

Domenica 20 gennaio la Conferenza-Concerto su Florestano Rossomandi è stata una scelta molto apprezzata dal pubblico. Tenere un concerto monografico non sull’autore, come generalmente avviene, ma sul trascrittore ed elaboratore della grande letteratura musicale realizzata per pianoforte a 4 mani dal didatta e grande esponente della scuola pianistica napoletana vissuto a cavallo tra il 1800 e 1900, è stata un’esperienza straordinaria che ha entusiasmato il pubblico di Termoli Musica. Il progetto ideato dalla pianista conterranea di Rossomandi, Rosaria Dina Rizzo che, in duo con Michele Gioiosa, oltre a tenere la conferenza ha tenuto il concerto.

L’attenzione del pubblico, affascinato dalla storia di Florestano Rossomandi, è stata come sempre ai massimi livelli. Il programma proposto ha abbracciato gran parte della musica classica da G. F. Handel a L. van Beethoven, da Weber a Schubert passando per Weber, Rossini e Liszt.

La pianista Rosaria Dina Rizzo dopo il diploma di Pianoforte, ha seguito Master Class con J. Achucarro, C. Rosen, B. Canino, il Corso di perfezionamento con S. Perticaroli alla Sommerakademie Mozarteum di Salisburgo e il Corso di Perfezionamento alla “Liszt Ferenc Music Academy ” di Budapest. Ha conseguito il Diploma di Musica da Camera presso il Conservatorio “S. Cecilia” di Roma e alla Scuola Superiore di Musica da Camera del Trio di Trieste. Ha svolto un’intensa attività concertistica in Italia ed in Festival Internazionali in Germania, Egitto, Croazia, Belgio, Svizzera,Ungheria,Russia,Francia,Croazia,America,Kazakistan,Bulgaria,Messico,Spagna,Slovenia,Macedonia, Austria, Romania e Slovacchia; Ha vinto in trio la Medaglia d’oro (1° Premio) al XXX Grand Concours International 1999 di Parigi.

Il pianista Michele Gioiosa ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di sette anni. Si è diplomato nel 1982 con il massimo dei voti con Michele Marvulli. Ha seguito Corsi di Perfezionamento al Mozarteum di Salisburgo con Sergio Perticaroli. Ha conseguito il Compimento Inferiore di Organo e Composizione Organistica ed è laureato in Filosofia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Urbino. E’ titolare della cattedra di Pianoforte presso il Conservatorio “U. Giordano” di Foggia e dal luglio 1990 è iscritto all’Albo dei Giornalisti della Puglia.
Alla sua attività concertistica ha affiancato anche quella di musicologo e critico musicale ed è stato Direttore Responsabile della rivista Musica e Scuola (1989-2009).Ha suonato in sale prestigiose (come Tonhalle di Zurigo, Rachmaninoff di Mosca, Sala del Castello di Kassel, Castello di Annecy, Teatro Ghione di Roma, Teatro Titano di San Marino, Teatro di Cesenatico, Teatro di Tortona, Teatro Comunale di Modena. Numerose sono le Masterclasses tenute sia in Italia che in Russia (Conservatorio “Ciaikowsky” di Mosca, College del Conservatorio di Mosca, Università di Tver e Istituto Musicale di Ryazan) e in Germania (Kassel e Lipsia).

La serata è finita come al solito con grande entusiasmo ed apprezzamento del pubblico che partecipa con assiduità e voglia di vivere un’alta qualità della vita anche sotto il profilo culturale pur vivendo in un piccolo centro molisano.

Al fine di contribuire ulteriormente allo sviluppo ed alla crescita culturale della città ed incentivare la partecipazione dei bambini e ragazzi, Ondeserene ha previsto per i prossimi appuntamenti di TermoliMusica la formula “Promozione Bambini” che prevede l’ingresso a biglietto ridotto di 10,00 Euro per ogni adulto che accompagna al concerto un bambino fino a 13 anni, i bambini naturalmente entreranno gratuitamente al concerto.

Commenti Facebook