Successo per il tour estivo de Il parco delle Morge

893

Si è concluso ieri a Matrice, con un incontro organizzato dal’Aiig Molise nell’ambito delle manifestazioni collegate a Expo 2015, il tour informativo nato con l’obiettivo di illustrare le opportunità di sviluppo turistico-occupazionali connesse all’istituzione del Parco delle Morge Cenozoiche del Molise. Un tour che ha visto protagoniste le piazze e i luoghi simbolo di Montefalcone nel Sannio, San Biase, Sant’Angelo Limosano, Oratino, Matrice, ma soprattutto tanti cittadini che hanno accolto con interesse ed entusiasmo un progetto innovativo per il Molise e in particolare per l’area dei dieci centri aderenti al Parco delle Morge. Soddisfazione è stata espressa dagli ideatori del progetto, Roberto Colella e Davide Vitiello, alla luce della grande partecipazione riscontrata nelle piazze dei borghi durante le giornate di Agosto. Ora c’è la carica giusta per ripartire ma soprattutto c’è un elemento ulteriore di soddisfazione che va ad aggiungersi: il Parco delle Morge sarà protagonista al convegno nazionale organizzato dall’Associazione Italiana degli Insegnanti di Geografia che si terrà dal 26 al 31 Agosto all’interno della manifestazione internazionale Expo 2015. Un grande vetrina ma anche un giusto riconoscimento nei confronti di un’idea nata dal basso, che pian piano si sta concretizzando grazie ad un lavoro costante e continuo, intorno al quale si sono uniti amministratori, istituzioni importanti e vitali per il territorio come l’Università degli Studi del Molise; personalità del mondo dell’associazionismo, operatori culturali e soprattutto tanti giovani che hanno deciso di scommettere sul Parco delle Morge Cenozoiche del Molise come occasione irripetibile per immaginare e realizzare il sogno di un Molise che rinasce con le sue bellezze, il suo meraviglioso paesaggio e con la valorizzazione delle tradizioni, dell’identità e della storia dei suoi borghi; elementi che messi in rete possono e devono restituire al Molise un ruolo di protagonismo in campo turistico e culturale.

Commenti Facebook