Sentenze di cause di lavoro giornalistiche: Santimone e Cimino lavorano ad un vademecum per la categoria

766

“Uno dei Gruppi di Lavoro del Cnog sta lavorando ad un importante progetto che, speriamo, andrà a vantaggio dell’intera categoria dei giornalisti. Il proposito è quello di raccogliere un elenco di alcuni casi emblematici di sentenze di cause di lavoro giornalistiche, per creare un libretto che sia di aiuto a tutti i giornalisti che si trovano in causa o stanno pensando di farla per vedersi riconosciuti i propri diritti o l’assunzione. La proposta è stata accolta dall’esecutivo del Consiglio Nazionale e dunque è stata estesa a tutte le regioni” . Così in  una nota congiunta Santimone e Cimino, si rivolgono ai colleghi molisani, e aggiungono ” Se dunque, si hanno notizie o esperienza dirette di sentenze di lavoro di giornalisti di stampa, tv, radio, uffici stampa e altri media, se ne può dare notizia, con il contatto della persona interessata. La ricerca è rivolta a sentenze di primo, secondo grado o meglio ancora Cassazione, nell’arco degli ultimi due o tre anni.
Ovviamente tutti i testi raccolti verranno riportati assolutamente in forma anonima, senza indicazione sull’azienda e senza i dati personali dei colleghi.
Il vademecum, una volta completato, con gli spunti e gli esempi più interessanti e soprattutto con indicazioni utili da parte di avvocati esperti, verrà diffuso gratuitamente. E proprio in tal senso, io e il collega Cimino, ci siamo già attivati per organizzare un incontro in Molise per diffondere il volume e aprire un dibattito su una materia tanto importante quanto delicata, quale è quella legata alle cause di lavoro giornalistiche”.
I casi potranno essere segnalati ai seguenti recapiti: [email protected]  oppure [email protected]

Commenti Facebook