Presentazione del PSR a Petrella, massiccia presenza di cittadini

832

Giovedì 24 settembre presso la Sala Polifunzionale comunale Belvedere si è tenuto l’incontro pubblico con l’Assessore regionale all’Agricoltura Vittorino Facciolla in merito al Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 alla presenza dell’assessore regionale all’Agricoltura, alla presenza del sindaco Alessandro Amoroso e dei consiglieri dell’Amministrazione Comunale, e di una massiccia presenza di cittadini.
” L’incontro è stato fortemente voluto per illustrare nei dettagli le misure del PSR e per permettere ai cittadini di usufruire di una corretta informazione. Sono particolarmente soddisfatto della risposta, in maniera copiosa, dei cittadini di Petrella ma non solo, in sala sono presenti anche cittadini di Castellino e Matrice. Credo che questo tipo di incontri, ringraziando l’assessore Facciolla per la disponibilità, possa da una parte mettere a conoscenza e dall’altra influire anche sulla volontà di investire nel territorio, mi rivolgo non solo a chi lavora già nel settore agricoltura , ma anche ai giovani che sono sempre più interessati ad avvicinarsi all’agricoltura”.
La parola è passata all’assessore Facciolla, che coadiuvato dalla d.ssa De Matteis ha illustrato le misure del PSR 2014-2020, sottolineando l’importanza che tali bandi possono avere sull’economia, e quindi sulle imprese piccole e grandi della nostra regione.
” Il Piano che ha una dotazione finanziaria di oltre 210 milioni di euro, di cui 101 di copertura europea e 109 di copertura nazionale e prevede, in particolare, finanziamenti ai giovani per le start up fino a 70mila euro e fino al 60% in conto capitale per chi deve ammodernare la sua azienda. Ma non solo sono previsti incentivi anche per le cooperative, ossia stiamo cercando di far passare la cultura della cooperazione tra soggetti economici che partecipano a filiere produttive agricole, al fine di produrre, ideare e realizzare innovazioni di prodotto e di processo per la valorizzazione delle produzioni molisane, nonché alla creazione di modelli organizzativi in grado di concentrare l’offerta dei prodotti agricoli. La Commissione europea ha apprezzato la semplicità e la chiarezza delle scelte fatte nel nostro programma, frutto di un grande lavoro effettuato di concerto con le associazioni di categoria e con il partenariato, in un clima di grande collaborazione e condivisione. La nuova programmazione ha subito 287 osservazioni dagli istruttori di Bruxelles, poche se confrontate all’osservazioni inoltrate alle restanti regioni d’Italia. Il Psr del Molise è stato approvato insieme a quello di altre cinque regioni, le prime in Italia, che ora possono beneficiare dell’intervento dell’Unione Europea e mettere a bando le nuove misure. Io sono ottimista, è una buona opportunità che nel prossimo settennio potrebbe derivare dal cambio di tipologia di agricoltura delle aziende stesse, da convenzionale a biologico”.

Non sono mancati interventi da parte di cittadini sia sul Piano PSR che in generale sulle condizioni del Molise, dalla rete viaria alla Metropolitana all’accoglienza dei profughi. Soddisfatti dell’incontro e del confronto sia l’Amministrazione comunale di Petrella Tifernina che l’Assessore Facciolla.

Commenti Facebook