MoliGav: servizio di vigilanza e di controllo del territorio molisano

949

“Con la presentazione ufficiale della MoliGav, avvenuta ieri mattina a Guardialfiera, la nostra associazione di aspiranti guardie ambientali volontarie entra nella seconda fase della sua esistenza”. Manifestazione di grande interesse e rilevanza quella ospitata nella ‘sala monsignor Gerardi Conedera’ venerdì 26 settembre 2014, grazie alla disponibilità della locale amministrazione comunale.
Un evento qualificato dalla presenza di numerose autorità e rappresentanti istituzionali, che hanno voluto tenere a battesimo la MoliGav, condividendo il percorso d’avvio di un progetto mirabile, che punta a offrire al territorio molisano e alle sue variegate comunità un servizio di vigilanza e di controllo, senza dimenticare impegni di natura educativa e di etica comportamentale.
Nel corso dell’iniziativa hanno preso la parola, introdotti dal moderatore Domenico Esposito, l’assessore all’Ambiente del comune di Termoli Filomena Florio, il sindaco di Campobasso Antonio Battista, il presidente del Consiglio regionale del Molise Vincenzo Niro, l’onorevole Laura Venittelli e l’assessore regionale all’Ambiente Vittorino Facciolla.
Presenze di rilievo anche da parte dell’associazione Anta, di Ambiente Basso Molise e delle forze dell’ordine, oltre alla polizia municipale guardiese, i vertici della compagnia carabinieri di Larino e del Corpo forestale dello Stato.
“Abbiamo vissuto con estrema partecipazione un momento centrale per la vita della MoliGav – dichiara il presidente Mariangela Di Biase – poiché enti e istituzioni intervenuti hanno dimostrato di apprezzare il nostro sforzo, al pari di chi non è potuto essere lì con noi ma ha voluto comunque omaggiarci di un saluto, vedi il governatore della Regione Frattura, il presidente della Provincia di Campobasso De Matteis e il senatore Ruta. A tutti loro il ringraziamento per un supporto che ci garantisce spinta e motivazioni per perseguire lo scopo associativo”.
Tra i passaggi della relazione del presidente, quest’ultima pone l’accento in modo particolare sulla funzione di guardia ambientale volontaria prevista dalla legge 23 del 2006 e dall’utilità delle convenzioni che saranno promosse e sottoscritte con il partenariato istituzionale. Tra gli obiettivi su cui impegnarsi alacremente, la Di Biase ha sottolineato quello sulla gestione del ciclo dei rifiuti.
“Raccoglieremo insieme la sfida a cui tutti gli enti locali dovranno tendere, quella raccolta differenziata 2.0 che dal porta a porta vuol divenire ‘Zero Waste’, ossia rifiuti zero, concetto poco adottato nelle programmazioni di massima nel nostro Molise. Così come ringraziamo l’onorevole Venittelli per averci lanciato la proposta di collaborare ufficialmente alla stesura della proposta di legge per il riconoscimento del parco del Matese, che i nostri esperti in materia di progettualità e programmazione hanno già preso in carico nelle ultime ore e che sarà al vaglio anche del futuro incontro di comitato direttivo”.
La giornata si è conclusa con un pranzo sociale seguito da una escursione nell’incantevole scenario del lago di Guardialfiera, meta di turisti e visitatori che rappresenta l’anello di congiunzione ideale di una cartolina da promuovere senza timori, una regione capace di offrire in poco più di 140 km lineari tutto il meglio del patrimonio naturalistico dall’Adriatico ai Monti.

Commenti Facebook