L’Istat analizza la spesa in materia ambientale

386

spesa ambientaleL’anno 2011 è decisamente favorevole per l’ammontare della spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane che è stata pari a 4.094 milioni di euro, con un’incidenza del (Pil) dello 0,26%. Questo è, quanto si legge in uno studio dell’ Istat che sottolinea che rispetto al 2010 la spesa è diminuita del 5,4% tornando a un valore prossimo a quello del 2004. Il tutto in considerazione che il 62% del totale della spesa, consiste in trasferimenti ad altri operatori economici, principalmente enti pubblici mentre il rimanente 38% è impiegato per personale, acquisto di beni e servizi, acquisto di beni mobili, immobili, macchinari).

Inoltre, sempre nello stesso anno il 64% della spesa ambientale, sia di parte corrente sia in conto capitale, e’ destinato ad interventi di “protezione dell’ambiente” mentre la quote rimanente del 36% è riservato ad interventi di “uso e gestione delle risorse naturali”, volti a salvaguardare l’ambiente da fenomeni di esaurimento delle risorse naturali. Nello studio è esaminata in maniera dettagliata soprattutto la spesa ambientale delle amministrazioni regionali italiane, comprensiva sia delle spese per attività e interventi realizzati direttamente, sia delle spese per finanziare interventi di tutela dell’ambiente di altri operatori pubblici e privati per un ammontare complessivamente a 4.094 milioni di euro, con una incidenza sul Pil dello 0,26%, aggiunge l’Istat. Andando a guardare le analisi regionali, le amministrazioni del Nord-ovest e del Centro, destinano la quota maggiore delle proprie spese ambientali a interventi per la tutela della biodiversità e del paesaggio, mentre nel Nord-est la quota maggiore della spesa, pari al 21%, è destinata a interventi di protezione e risanamento del suolo, delle acque del sottosuolo e delle acque di superficie. Infine nel Mezzogiorno il 42% del totale della spesa ambientale si ripartisce in ugual misura tra interventi di protezione e risanamento del suolo, delle acque del sottosuolo e delle acque di superficie ed interventi di gestione delle risorse idriche. Dati e percentuali che, dal punto di vista analitico, sono altamente indicativi, in quanto, permettono un confronto di spesa annuale che serve per misurare la sensibilità regionale ambientale. 

Massimo Dalla Torre

Commenti Facebook