Immigrazione clandestina, Consap: a Campobasso i poliziotti “attenti” vengono puniti, chiediamo l’intervento del Ministro dell’Interno

841

Fermano un immigrato clandestino segnalato da alcuni cittadini campobassani ma si vedono contestare una sanzione disciplinare. Questa l’incredibile vicenda che ha coinvolto alcuni agenti della squadra volante della locale questura.  A quanto pare infatti, nella tarda mattinata di un recente sabato, era stato notato un uomo aggirarsi tra le auto in sosta di una via centrale del capoluogo molisano, il quale era stato poi prontamente individuato dai poliziotti intervenuti che, dopo aver svolto tutti gli adempimenti del caso, lo hanno denunciato in stato di liberta’.  Probabilmente l’azione dei poliziotti ha impedito il perpetrarsi di azioni represibili da parte del cittadino extracomunitario, privo di permesso di soggiorno (clandestino e gia’ noto agli archivi informatici), ma invece di essere lodati per l’attivita’ svolta, i due agenti si sono visti presentare il conto dal vertice dell’amministrazione locale della polizia di stato: sanzione disciplinare per aver effettuato quattro ore di lavoro straordinario senza autorizzazione!!!
Davvero incredibile e senza precedenti quanto accaduto ai malcapitati colleghi”, questo il duro commento del segretario generale regionale Consap Molise Peppino Pica che ha poi precisato che “gli operatori della squadra volante hanno svolto diligentemente la loro attivita’ e, di certo, era doveroso ovvero obbligatorio proseguire oltre il normale orario di servizio sussistendone i presupposti e quindi non vi era la necessita’ di ricevere un provvedimento autorizzativo che apparirebbe un eccesso di burocrazia oltre ogni limite”. Pica ha poi aggiunto “la situazione verra’ ulteriormente approfondita da parte di questa organizzazione sindacale non escludendo azioni eclatanti ed interessando le istituzioni ai piu’ alti livelli”. “In ogni caso,” – ha evidenziato il segretario della Consap – “chiederemo l’intervento di personaggi politici di rilievo affinche’, valutate le circostanze, si vogliano chiedere spiegazioni al ministro dell’interno per quella che appare davvero una beffa per gli operatori della sicurezza, che avevano semplicemente chiesto la corresponsione della somma dovuta per le quattro ore di servizio svolte in piu’: venticinque euro circa o poco piu’! questo e’ l’importo previsto: meno di 7 euro ad ora!!!”.
Una situazione senza precedenti che si ripercuote negativamente sui poliziotti di via Tiberio che gia’ non avevano digerito la rivoluzione attuata dal questore Pagano. “Un cambiamento davvero difficile da condividere! uno sbilanciamento dei servizi che ha comportato disservizi tangibili nelle varie articolazioni della questura: file interminabili negli uffici aperti al pubblico, difficolta’ nel presentare denunce, tempistiche di rilascio di autorizzazioni quali, ad esempio, il porto d’armi per la caccia, addirittura arrivate a molti mesi di attesa, come mai successo in precedenza, posto di Polizia dell’Ospedale Cardarelli divenuto una chimera, oltre alle numerose situazioni di carattere gestionale ed organizzativo che indicano una involuzione del servizio reso al cittadino. Ma la Polizia di Stato a Campobasso ha garantito sempre sicurezza ed efficienza prima dell’arrivo dell’attuale Questore e lo fara’ anche e soprattutto dopo la sua partenza.” Questo l’amaro commento del rappresentate regionale della Consap (confederazione sindacale autonoma di polizia) sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato e fortemente presente in questa regione.

Commenti Facebook