Il Governo riconosca il distretto Produttivo Bojano – Isernia – Venafro quale area di crisi

505

assessore petraroiaNel corso del confronto svoltosi  al Ministero dello Sviluppo sulla vertenza ITTIERRE, il Vice-Presidente della Giunta Regionale, Michele Petraroia, ha rilanciato la proposta di coinvolgere il Governo Nazionale, far dichiarare l’area di crisi nel Distretto Produttivo Bojano – Isernia – Venafro, aprire una sede istituzionale di verifica a PALAZZO CHIGI e programmare misure straordinarie di intervento finalizzate alla reindustrializzazione del territorio e al riassorbimento delle 2 mila unità lavorative espulse dalle filiere in crisi del tessile, dell’avicolo e del metalmeccanico.

Anche nell’ipotesi, al momento non definita e non definibile, che sulla vertenza ITTIERRE possa esserci uno sbocco industriale che assicuri un futuro allo stabilimento ci si troverebbe al cospetto di una parziale riassunzione degli attuali addetti.
D’altronde se su un’area di 100 mila abitanti sono andati in crisi i tre poli produttivi più importanti quali l’ITTIERRE, la filiera avicola ed il settore metalmeccanico e dell’indotto dell’auto, mettendo a repentaglio 2 mila posti di lavoro, è evidente che le conseguenze sociali che si determinano sono drammatiche e non risolvibili con gli strumenti ordinari.
Il Molise merita la stessa attenzione che Palazzo Chigi sta riconoscendo ad altre aree di crisi nazionali, và inserito in quel percorso specifico e và sostenuto con un Contratto di Sviluppo o un Accordo di Programma Quadro che incentivi gli investimenti e renda più agevole la ripresa economica ed occupazionale.
“Al di fuori di questo contesto – ha dichiarato il Vice-Presidente, Michele Petraroia al tavolo ministeriale permanente – l’auspicabile soluzione industriale della vertenza sarà una risposta necessaria ma non sufficiente a tutelare l’insieme dei lavoratori coinvolti, ai quali rimarranno solo gli ammortizzatori sociali”.

Commenti Facebook