Giunta regionale, Carlo Veneziale nominato assessore. Frattura: ringrazio Scarabeo per maturità e responsabilità mostrate

746

Nominato il nuovo assessore regionale alle attività produttive: è Carlo Veneziale. “Entra in squadra un uomo perbene, giovane, capace e serio”, così il presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, presenta il nuovo componente dell’esecutivo. “In linea con la nostra azione amministrativa, dedita e mirata alla costruzione condivisa delle opportunità che i nostri cittadini e il nostro territorio meritano – spiega il presidente –, abbiamo individuato in Carlo Veneziale, già prezioso riferimento al vertice di Finmolise per le politiche di credito a sostegno delle imprese, la figura giusta che, sulla scia del lavoro condotto da Massimiliano Scarabeo, saprà mettersi, con competenza e dedizione, al servizio di tutti i molisani per la crescita e lo sviluppo della nostra regione”.
“Carlo Veneziale risponde anche all’esigenza di rappresentanza nelle istituzioni regionali che il territorio di Isernia, a ragione, ha manifestato e che il Partito Democratico ha sostenuto. A Carletto gli auguri di buon lavoro”, dichiara Frattura. “Un pensiero di ringraziamento – prosegue –, a Massimiliano Scarabeo, compagno di viaggio, amico, della prima ora di quest’avventura. Di Massimiliano abbiamo apprezzato competenza, disponibilità e capacità pratica a risolvere i problemi. Durante la sua esperienza nell’esecutivo regionale ha avuto modo di farsi valere dandoci la possibilità di testimoniare le sue qualità politiche e tecniche in forza delle quali è riuscito a conseguire risultati di assoluta importanza”.
“Averlo ancora con noi in squadra – considera il presidente –, sarebbe stato lineare per la continuità della nostra azione amministrativa. Abbiamo condiviso un’altra scelta per consentirgli di seguire le vicende personali che lo hanno interessato”.
“Massimiliano ha dimostrato responsabilità e maturità politico-amministrative, un grazie di cuore per la sua signorilità e l’alto senso delle istituzioni”, conclude Paolo Frattura.

Commenti Facebook