Fanelli: Primarie, partecipiamo per scrivere il futuro di Campobasso e Termoli

751

fanellipd“Ci siamo: domenica 6 aprile Campobasso e Termoli sceglieranno il candidato sindaco del centrosinistra che guiderà la coalizione alle Amministrative del 25 maggio. Siamo a uno snodo fondamentale! Invito tutti a mobilitarsi a partecipare per un impegno verso il centrosinistra. Le due città meritano una classe dirigente migliore di quella che ha amministrato gli ultimi anni: più dinamica, più unita, più collaborativa, più concreta! E chiedono un forte rilancio: idee, progetti seri, soluzioni ai problemi. I campobassani e i termolesi non possono più aspettare. Ne siamo convinti: il centrosinistra possiede le competenze, la concretezza, le energie, la spinta innovativa ideali per una rinascita”.

Micaela Fanelli, segretaria regionale del Partito Democratico, lancia l’appello al voto per le Primarie di centrosinistra di domenica 6 aprile e ne esalta lo spirito democratico.
Si voterà dalle ore 9 alle 21, con documento e tessera elettorale. Il voto è gratuito. “La segreteria – afferma Fanelli – ha voluto e ricercato con forza l’abbattimento delle ‘barriere al voto’, come il pagamento dei due euro”. A Campobasso i candidati sono Giovanni Muccio, Giuseppe Libertucci, Augusto Massa, Michele Durante, Pietro Colucci, Bibiana Chierchia e Antonio Battista. I seggi sono quattro: Piazza Municipio (qui potranno votare i sedicenni); Chiesa Mater Ecclesiae (via Svevo); Parco San Giovanni; Quartiere Cep (via Gramsci). Per i ragazzi dai 16 ai 18 anni, è necessario registrarsi inviando una mail con i propri dati a [email protected] entro le ore 12 di sabato 5 aprile.
A Termoli invece, i candidati sono Antonio D’Ambrosio, Michele Giuliano, Angelo Sbrocca, Oscar Scurti e Simone Coscia. Tre i seggi: centro, Piazza Monumento (scuola elementare); Porticone (scuola elementare, via Po 18); Difesa Grande (scuola elementare, via dei Faggi).
“Abbiamo una rosa di candidati estremamente valida – evidenzia con soddisfazione la segretaria Pd – Tutti con esperienza e ottime competenze per poter ben amministrare sia Termoli che Campobasso. In questa campagna elettorale e nel loro precedente percorso, i candidati hanno messo cuore, impegno e voglia di buona politica. Ognuno ha illustrato i propri progetti e il programma. Abbiamo fatto un pezzo di strada importante, mettendo nero su bianco contenuti che hanno alimentato, irrobustito e impreziosito il programma del centrosinistra in vista delle elezioni Amministrative. Rivolgo -continua Fanelli – il mio in bocca al lupo e il mio grazie ai candidati che hanno dato fiducia al centrosinistra, e a tutti i membri della macchina organizzativa che ci permettono di partecipare e vivere queste Primarie come uno strumento bellissimo e indispensabile per la democrazia, e che sono il Dna del Pd e del centrosinistra. Garantiamo così la massima rappresentatività della volontà popolare”.
Aggiunge Fanelli: “Le Primarie dell’8 dicembre sono state uno splendido esempio di partecipazione e di slancio democratico. In Italia hanno votato 3 milioni di persone, in Molise c’è stata l’affluenza più alta del Paese: hanno votato in oltre 17mila. Ha vinto la gente comune che chiede, oggi più di prima, il cambiamento. E’ un segnale che anche e soprattutto i molisani hanno voglia di una buona amministrazione e di una politica concreta. Noi, ora, non possiamo deluderli. E il futuro dobbiamo costruirlo insieme”.
Sull’esito di queste consultazioni elettive di domenica, la segretaria del Pd non ha dubbi: “Dal percorso vivo, di confronto e discussione di queste Primarie, e dal laboratorio di idee e progetti che tutti noi abbiamo realizzato, il centrosinistra ne esce rafforzato, rinvigorito e più compatto. E ne esce ancora più consapevole che solo unendo le proprie ‘anime’ politiche potremo riconquistare Campobasso e Termoli per rilanciarle e scongiurare i pericoli del centrodestra e dei populismi. Io, con correttezza, faccio il tifo per i candidati del Pd e ne appoggio l’impegno di ciascuno. Ora partecipiamo. Domenica – conclude Fanelli- abbiamo l’occasione di un primo passo fondamentale per poter cambiare verso a Campobasso e Termoli. Trasformiamole in città migliori e più competitive!”.

Commenti Facebook