Fallimento greco, Petraroia: emergenza e responsabilità

603

La Grecia è dietro l’angolo con l’assalto ai bancomat, le pensioni non pagate ed il collasso sanitario. In Europa soffia un vento xenofobo che alimenta le paure, innalza nuovi muri e agevola l’affermazione della destra ultrareazionaria che dal Baltico, all’Ungheria, alla Polonia e alla Gran Bretagna stoppa l’accoglienza umanitaria. Il Mediterraneo inghiotte i migranti in un’indifferenza obbrobriosa nel mentre il terrorismo islamico colpisce i paesi arabi moderati in una spirale di violenza che non lascia presagire nulla di buono. Milioni di siriani, eritrei, libici, sudanesi, curdi, iracheni o afghani, provano a mettersi in salvo verso un’Europa che tentenna al cospetto del riparto di 40 mila profughi. L’Italia annaspa, teme il contagio greco e aspetta il salvataggio a 5 Stelle. La Lega Nord miete accoliti anche tra i molisani che si beano di aver portato lo striscione più grande all’ultimo raduno nazionale ma non hanno ascoltato le proposte antimeridionali di un movimento che punta il dito contro i migranti e non spende una parola per orientare almeno il 40% degli investimenti verso il Sud. Il centrosinistra è in difficoltà con una sinistra divisa ed un partito democratico in affanno. Matteo Renzi di scuola fanfaniano-dorotea si trova a essere il leader più a sinistra nei vertici tra i 28 paesi europei a conferma della complessità di una fase politica aperta ad ogni epilogo. Cristine Lagarde ha ricordato ai greci che i soldi valgono più della sovranità popolare e le Nazioni Unite assistono pavide al rischio di un’implosione di uno Stato, in un’area in cui il conflitto tra Ucraina e Russia si aggiunge alle guerre del Califfato. In un simile contesto è arduo per l’Italia, per il Mezzogiorno e per il Molise, progettare una prospettiva. Non mancano gli errori che alimentano le delusioni e allontanano i cittadini da un impegno attivo, dinamico e propulsivo, nella politica e nelle istituzioni. Incalzano le emergenze figlie di scelte dissennate perpetrate per decenni che sollecitano risposte impellenti ad Amministrazioni con bilanci sempre più asfittici. Ma il contesto duro, aspro e irto di insidie in cui ci troviamo non deve impedirci di moltiplicare gli sforzi per realizzare il cambiamento sollecitato dai molisani nell’ultima tornata elettorale. Nei momenti più bui serve  umiltà, spirito di servizio, toni bassi, rispetto umano, dialogo, equilibrio e responsabilità.

Commenti Facebook