Autostrada. De Matteis: si sta perdendo un’occasione per sviluppare il Molise

828

“In merito all’animato dibattito estivo sull’ipotetica e fumosa autostrada del Molise, tra esponenti politici e qualche sindacato, credo che si stia perdendo ancora un’occasione per sviluppare il Molise, per dare finalmente un collegamento rapido ed efficace tra il Tirreno e l’Adriatico e non ultimo, si stia dimostrando di giocare con le aspettative della gente e su chi sperava vivamente su tale opera viaria. E di questo argomento mi pare che se ne discuta da oltre 15 anni, ma concretamente, dall’intesa Iorio – ministro Antonio Di Pietro, firmata a Campobasso nell’allora Palazzo Santoro, con lo stanziamento dei fondi e ancor prima con l’inserimento dell’autostrada, se non ricordo male, tra le grandi opere del secondo governo Berlusconi. L’autostrada Termoli – San Vittore come concetto, idea e risposta ai problemi legati alla viabilità ed allo sviluppo turistico industriale, è indispensabile, ma in alternativa, se proprio si corre il rischio di perdere quei fondi, possiamo pensare almeno ad una superstrada che colleghi se non altro Campobasso con San Vittore. Noi abbiamo bisogno di una arteria a doppia corsia, di una strada di 100 km appena, in grado di condurci oltre il confine cassinate. D’altro canto, indipendentemente dai colori politici, che questa terra meriti una strada normale è scontato, come credo la meritino i contribuenti del Molise, i quali avrebbero diritto di raggiungere il Lazio comodamente. Se questa classe politica che mi pare abbia un unico colore a Roma come in Regione, alla Camera come al Senato e come in molti enti locali molisani, si renda responsabile di questo grave mal torto, allora vorrà dire che le responsabilità su tali scelte saranno messe in evidenza, come già qualcuno si sta adoperando a fare. Mesi fa, senza sentirmi un gufo, avevo anche preannunciato che gli effetti del ministro Del Rio si sarebbero fatti sentire. Continuiamo dunque ad assistere ai risultati del “Molise di tutti” e del governo Renzi, che “ci sta facendo uscire tutti dalla palude”. Così Rosario De Matteis, presidente della Provincia di Campobasso.

Commenti Facebook