Associazione Cuore Molisano: basta speculazioni e campanilismi sulle spalle dei malati

1505

L’ Associazione Riconosciuta “CUORE MOLISANO” (Cardiopatici del Basso Molise), Iscritta al’ Albo delle Associazioni di Volontariato DELLA Regione Molise  al N. 500 –  SEZIONE SOCIALE, dopo avere seguito, in grande silenzio e nel rispetto delle Idee personali di altri Soggetti, la evoluzione dei  tagli alle prestazioni di Chemioterapia fino dal lontano 1992, erogate dalla Fondazione “Giovanni Paolo II” di Campobasso, è rimasta letteralmente basita dalle affermazioni, farneticanti e prive di alcuna ragione di polemiche sollevate, prima dal Movimento 5 Stelle Molise e   a breve giro di tempo dal comitato Pro Cardarelli.
Riteniamo le prese di posizione, di entrambi i Soggetti: vigliacche, ciniche, calcolatrici e faziose in quanto hanno un solo Obiettivo che li accomuna: ACCENTRARE TUTTO SULL’ OSPEDALE “CARDARELLI” di Campobasso senza proporre, in alternativa e ove ce ne fossero, immediate e a parità di COSTO – BENEFICIO che la Sanità pubblica del Molise dovrebbe offrire senza incidere su chi, di certo,  non sceglie di rivolgersi alla Fondazione “Giovanni Paolo II” di Campobasso, per l’ aria salubre che certamente si respira a circa 1000 mt.
Ma perché, le Eccellenze di Oncologia e Cardiochirurgia che la contraddistinguono, oltre alle indiscusse capacità, professionale e umano, del Personale Medico e Paramedico che vi opera ha finalmente ridotto di tanto, il viaggi della speranza dei molisani colpiti da queste  PATOLOGIE che, al solo nominarle fanno PAURA. E oltre a questo, chi sparla a tale riguarda, non considera il risparmio per le tasche, già vuote  del Servizio pubblico sanitario del Molise, dei molti rifiuti di altre Regioni a accogliere i Malati molisani in quanto la Regione non può pagare e i DISAGI DEM MALATO E DELLE LORO FAMIGLIE. Riguardo a Mons. Bregantini, premesso che chi scrive è Agnostico e quindi nulla ci accomuna, l’ unica colpa, se colpa può essere, è quella di essere intervenuto anche troppo tardi sul Diritto dei molisani a farsi curare e, anche morire se deve essere così, nel Loro Molise.

Liberato Di Felice
Presidente e Legale rappresentante della Associazione “CUORE MOLISANO”

Commenti Facebook