3G Campobasso, Ugl: le Istituzioni intervengano

677

“Chiediamo alla Regione Molise e al ministero del Lavoro di fare quanto in proprio potere per salvaguardare il futuro dei 103 lavoratori del call center 3G di Campobasso”. Lo dichiara il segretario generale dell’Ugl Telecomunicazioni, Fabrizio Tosini, confermando “il pieno sostegno del sindacato ai lavoratori del call center 3G di Campobasso che oggi sono in sciopero per chiedere certezze sul proprio futuro dopo che la società ha deciso unilateralmente di avviare la procedura di mobilità”.
Per il segretario regionale dell’Ugl Molise, Nicolino Libertone, “con lo sciopero e il presidio davanti alla sede della Giunta regionale del Molise, le lavoratrici ed i lavoratori della 3G vogliono sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sulla propria situazione, in vista dell’incontro del prossimo 5 ottobre al ministero del Lavoro, e tenere accesi i riflettori sull’annosa questione della regolamentazione del settore delle Telecomunicazioni”.

Commenti Facebook