Croazia-Molise, l’ambasciatore Grubisa ufficializza la visita del presidente della Repubblica Ivo Josipović

573

Una comunanza antica, storica, linguistica, da portare avanti e rinnovare nel segno della riscoperta identità europea. Reciproci impegni per la costruzione di un futuro di opportunità condivise tra l’ambasciatore della Croazia, Damir Grubisa, e il presidente della Regione, Paolo di Laura Frattura. Stamani a Campobasso indicazioni, idee, progetti da sviluppare e approfondire con la prossima visita ufficiale in Molise del presidente della Repubblica croata, Ivo Josipović, prevista per il 5 dicembre.Un incontro colloquiale e amichevole, quello tra l’ambasciatore e il governatore, improntato alla riscoperta e alla valorizzazione della cultura e delle tradizioni che da sempre legano il Molise alla Croazia. “Le minoranze linguistiche presenti e tutelate in questa regione – è stato il riconoscimento dell’ambasciatore – , sono ponti che ci convincono sempre più a rinsaldare quel rapporto che nasce dalla condivisione del nostro Adriatico, oggi mare europeo”.

“Qui in Molise abbiamo una nostra importante rappresentanza croata a Montemitro, Acquaviva Collecroce e San Felice. Sono di interesse altissimo per noi perché hanno mantenuto il valore delle nostre origini e della nostra lingua arcaica, a noi meno nota che qui da voi”, ha sottolineato ancora l’ambasciatore.Intesa immediata e profonda tra l’alto diplomatico e il presidente Frattura sulle potenziali opportunità derivanti dal potenziamento di scambi economici, attraverso il coinvolgimento di associazioni, soggetti privati e reti camerali, tra le due realtà convinte protagoniste da subito dell’esperienza dell’Euroregione Adriatica.“All’interno della prossima programmazione europea abbiamo di fronte a noi diversi filoni strategici sui quali investire insieme”, si è augurato il governatore, aprendo così alla possibilità di un rilancio dei collegamenti tra le due sponde adriatiche. “Sarebbero – ha fatto notare Frattura –, opportunità in uscita e in ingresso per tutti noi”.“Ci interessa il progetto  – la risposta del professor Damir Grubisa  –.  Sarebbe un contributo importante per il turismo, per il commercio e per tutte le attività economiche”.“Insieme, noi e voi, anche grazie alle politiche comunitarie, riusciremo a superare il difficile momento di crisi che ci sta colpendo tutti”, la speranza finale di Grubisa e Frattura.

Commenti Facebook