Consiglio regionale/approvati all’unanimità 4 atti di indirizzo

297

Presieduto dal Presidente Salvatore Micone si è riunito il 4 febbraio 2020 il Consiglio regionale.

L’Assemblea ha innanzitutto provveduto ad esaminare e quindi approvare all’unanimità 4 atti di indirizzo:

-una Mozione, a firma dei Consiglieri Romagnuolo Aida e Romagnuolo Nicola E., avente ad oggetto: “Sisma agosto 2018, comuni danneggiati di fascia A e B parificazione e nomina Commissario straordinario per la ricostruzione”. Ha illustrato il provvedimento il primo firmatario, Consigliere A. Romagnuolo; nel dibattito che ne è seguito sono intervenuti i Consiglieri Primiani, Romagnuolo N. Fanelli, Manzo e il Presidente della Giunta Donato Toma. In particolare, il testo della mozione, emendato all’unanimità in Aula a seguito del confronto tra le varie parti politiche, impegna il Presidente della Giunta regionale a trovare un’intesa con il Presidente del Consiglio dei Ministri affinchè si proceda in tempi celeri alla nomina del Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori dei comuni della provincia di Campobasso colpiti dagli eventi de sismici dell’agosto 2018 ai sensi del DL 18 aprile 2019 n. 32. Il Consiglio impegna altresì il Presidente della Regione ad adoperarsi al fine di far riconoscere i comuni colpiti dal sisma in un’unica fascia sulla base dei danni che si sono riscontrati sugli immobili e legati al terremoto del 2018 così come evidenziati dalle schede di rilevamento AeDES.

-una Mozione, a firma dei Consiglieri Di Lucente e Micone, avente ad oggetto “Stabilimento Unilever di Pozzilli”.
Ha illustrato la mozione il primo firmatario Di Lucente. E’ quindi seguita la discussione congiunta dell’atto di indirizzo e di un’Interpellanza, a firma dei Consiglieri Greco, Nola, Primiani, De Chirico, Fontana e Manzo, riguardante lo “Stato di agitazione dei dipendenti UNILEVER di Pozzilli”, nella quale sono intervenuti i Consiglieri Nola, Scarabeo, Fanelli, Tedeschi, Primiani, Romagnuolo A., Iorio, Facciolla, Romagnuolo N.E. e il Presidente Toma. Quest’ultimo ha colto l’occasione per informare l’Aula dell’incontro istituzionale tenutosi ieri sera, e protrattosi fino a tarda notte, presso la Giunta regionale con i massimi vertici del network degli stabilimenti europei dell’Unilever e i rappresentanti sindacali dei lavoratori della fabbrica di Pozzilli. Il Presidente della Regione ha quindi sottolineato come il risultato immediato dell’incontro di questa notte sia stato quello di sviluppare un confronto a tutto campo tra azienda e lavoratori, nel quale i rappresentanti sindacali hanno potuto rivolgere richieste di chiarimenti all’Unilever su una serie di questioni che in questi giorni hanno creato grosse preoccupazioni. A riguardo l’Azienda ha fornito risposte ufficiali sulle reali iniziative intraprese. Dall’incontro –ha spiegato ancora Toma- è emerso che al momento non vi è alcuna iniziativa di chiusura in atto dello stabilimento di Pozzilli, vi è, invece, un ragionamento che l’Azienda sta svolgendo sull’intera rete produttiva europea, compreso, ovviamente, l’impianto molisano. L’Azienda si è detta comunque disponibile a partecipare ad un tavolo permanente con i sindacati e i lavoratori per la salvaguardia dei livelli occupazionali e della presenza dell’Azienda in regione.
Il particolare il Consiglio regionale con l’atto di indirizzo approvato (che ha riassorbito anche l’interpellanza sullo stesso tema), così come emendato in Aula, impegna il Presidente della Giunta ad assicurare il mantenimento dell’attuale livello occupazionale, a mantenere aperto il tavolo con l’Azienda e raccordarsi con le iniziative presso il MISE. Il tutto attivando le proposte e le misure regionali finanziarie e non, a sostegno dell’attività produttive.

-un Ordine del giorno, a firma dei Consiglieri Tedeschi, D’Egidio, Romagnuolo Nicola E. e Scarabeo, avente ad oggetto: “Viabilità, chiarimenti in merito alla realizzazione di una infrastruttura volta a deviare il traffico dal centro urbano di Venafro da e verso Roma”. Ha illustrato l’odg il primo firmatario, Consigliere Antonio Tedeschi, sono quindi seguiti gli interventi dei Consiglieri Nola, Scarabeo, De Chirico, Primiani, Di Lucente, Romagnuolo N., Iorio, Fanelli, l’Assessore ai Trasporti e ai Lavori pubblici Niro e il Presidente della Regione Toma.
Nelle premesse dell’atto di indirizzo vengono ricordate le criticità rilevate in materia di inquinamento ambientale sul territorio della città di Venafro, quotidianamente attraversato da migliaia di auto e mezzi pesanti. Ne consegue la sussistenza dell’esigenza di deviare il traffico veicolare, al fine di bypassare il centro abitato di Venafro in modo da ridurre le emissioni di gas, di polveri sottili e di fumi. Si ricorda ancora che il Piano Regionale Integrato per la Qualità dell’aria Molise (PRIAMO), evidenzia l’opportunità di realizzare una seconda bretella, in aggiunta alla prima già costruita in direzione Napoli, per la deviazione del traffico veicolare nel centro abitato della stessa città, da e verso Roma. Si aggiunge poi che nel 2014 è stato messo a punto un progetto definitivo per la realizzazione della cosiddetta “bretella di Ceppagna” per creare una soluzione alternativa per il traffico proveniente o diretto alla capitale. Di qui l’impegno previsto nell’ordine del giorno (così come emendato all’unanimità dopo la discussione in Aula) del dell’Assemblea consiliare al Presidente della Giunta a definire con il Ministero dei Trasporti e con l’ANAS, ed eventualmente anche con le Regioni limitrofe, il miglior collegamento viario tra la circonvallazione di Venafro e l’Autostrada A1 Roma-Napoli. Si impegna, inoltre, lo stesso Presidente della Regione a proporre il progetto, dopo la sua definizione a Ministero dei trasporti per il suo inserimento nel prossimo Piano Triennale ANAS.

-un Ordine del Giorno, a firma dei Consiglieri Fontana, Nola, De Chirico, Primiani, Greco e Manzo, avente ad oggetto: “Realizzazione strutture di monitoraggio integrative e redazione studio specifico su fonti potenzialmente inquinanti presenti sul territorio molisano. Il documento è stato presentato dal primo firmatario, Consigliere Fabio Fontana, sono intervenuti nel dibattito che è seguito il Consiglieri De Chirico, Nola, Manzo, Tedeschi, Facciolla e il Presidente della Regione Toma.
Con l’odg approvato, il Consiglio regionale, nel ribadire le finalità prefisse dal Piano Regionale Integrato Ambientale Molise (PRIAMO) per l’adozione di strategie di intervento e pianificazione relative al sistema di monitoraggio ambientale teso al conseguente miglioramento della qualità dell’aria all’interno del territorio regionale, impegna il Presidente della Giunta regionale: a commissionare uno studio specifico e differenziato sui fattori di rischio delle zone del territorio più esposte e che presentano maggiori criticità; a rafforzare la rete di monitoraggio dell’Arpa Molise con un numero adeguato di centraline predisposte al rilevamento del PM 0,1; ad attivare eventuali collaborazioni con l’ISPRA e con altri enti.

Il Presidente Micone ha poi dato notizia all’Aula della designazione fatta dai Gruppi di maggioranza e di minoranza dei propri rappresentanti in seno alla Cabina di regia sull’organizzazione della rete scolastica regionale. In particolare sono stati indicati, per la maggioranza i Consiglieri Gianluca Cefaratti e Aida Romagnuolo, per le minoranze i Consiglieri Micaela Fanelli e Patrizia Manzo.
Si è quindi svolta un’Interpellanza, a firma dei Consiglieri Facciolla, Nola, Fanelli, Primiani, De Chirico, Greco, Fontana, Manzo, Iorio e Romagnuolo Aida, ad oggetto “Consorzi di bonifica determinazioni”. Ha illustrato l’atto il Consigliere Vittorino Facciolla, hanno dato risposta il Presidente della Regione, Donato Toma, l’Assessore all’Agricoltura, Nicola Cavaliere e l’Assessore ai Lavori Pubblici, Vincenzo Niro.
Per gli interpellanti, i Consiglieri Facciolla e Nola si sono detti non soddisfatti delle risposte ricevute

Commenti Facebook