Bain&co: la Cassazione assolve Iorio, fatti prescritti

568

mich iorioLa Cassazione annulla la condana per abuso di ufficio nei confronti di Michele Iorio per la vicenda Bain&co. Come si ricorderà la vicenda riguardava un incarico di consulenza affidato alla società Bain&co dalla Giunta regionale del Molise presieduta da Iorio, società in cui lavorava uno dei figli di Iorio, Davide. Condannato in primo e secondo grado, Iorio oggi viene assolto perchè per il reato contestato (relativo agli anni 2003-2004) è scattata la prescrizione. Per Iorio quindi si spalancano di nuovo le porte del Consiglio Regionale, porte a lui chiuse proprio in ragione della condanna riportata in secondo grado ed oggi annullata dalla Suprema Corte.

Questi i fatti che hanno portato alla decisione della Suprema Corte, presieduta da Giovanni Conti. E’ stata esaminata la vicenda dopo che il 22 febbraio 2012, in primo grado, e il 18 aprile 2013 in appello, i giudici del Tribunale di Campobasso hanno riconosciuto Iorio colpevole di aver favorito, in virtù del suo ruolo di presidente della Regione, la «Bain&Co», la società nella quale lavorava il figlio Davide, per agevolarne la carriera. Una multinazionale alla quale, nel 2003 e nel 2004 (ma i compensi sono stati pagati negli anni sucessivi, da qui il dubbio sulla prescrizione dei reati), l’esecutivo regionale con a capo il governatore Iorio aveva affidato importanti consulenze, sulla progettazione dell’autostrada Termoli-San Vittore e sulla riorganizzazione del sistema sanitario del Molise, per un totale di 110 mila euro.

Michele Iorio è stato comunque condannato dall’alta Corte al risarcimento dei danni nei confronti della parte civile, il Codacons.

Commenti Facebook