Il grande cuore dell’Italia/ Cultura, sport e ricreazione ambiti in cui si concentra il numero più elevato di realtà non profit

287

Il 20 giugno ho partecipato all’assemblea del terzo settore, tra le relazioni mi ha toccato particolarmente quella di una ricercatrice Istat che ha tracciato un’immagine dell’Italia diversa da come di Maio e Salvini la stanno facendo emergere, un’Italia paese di volontari, dal cuore grande.
Le istituzioni attive sono 336,275, l’11,6% in più rispetto al 2011. Ogni associazione ha in media due dipendenti e 16 volontari, in Italia 5,5
In Italia oltre 7 milioni (14 %) di persone si impegnano gratuitamente per gli altri o per il bene comune: 5,529 milioni (8,6%) degli italiani lo fanno all’interno di organizzazioni e 3 milioni (5,8%) individualmente (dati Istat), rispetto al censimento del 2011 il numero di chi presta la propria opera senza ricavarne un reddito è aumentato del 16,2% mentre i lavoratori dipendenti sono cresciuti del 15,8%.
Le istituzioni che operano grazie all’apporto di volontari sono 267.529 (il 79,6% delle unità attive, il 10% in più rispetto al 2011), quelle che dispongono di lavoratori dipendenti sono 55.196, pari al 16,4% delle istituzioni attive.
Diminuisce in media il numero dei dipendenti (che da 16 passano a 14) mentre sale leggermente quello dei volontari (da 20 a 21).
La distribuzione territoriale conferma una elevata concentrazione delle associazioni al Nord (qui ha sede il 51% del totale) con la Lombardia che da sola fa la parte del leone con il 15,7% delle realtà, seguita dal Veneto (8,9%) e dal Piemonte (8,5%).
Tra le regioni del Centro, che ospitano il 22,5% delle associazioni, la più attiva è il Lazio (9,2%).
Se si rapporta il numero di associazioni alla popolazione residente è il Nord-Est a salire sul podio con un’incidenza di 67 istituzioni ogni 10mila abitanti, mentre il Centro ne ha 62,8 e il Nord-Ovest 57,7.
La Provincia autonoma di Trento e la Valle d’Aosta hanno in assoluto il rapporto più elevato.
Le regioni più dinamiche non un maggiore aumento di associazioni sono Campania e Lazio, mentre il Molise fa registrare una lieve diminuzione.
Per quanto riguarda la struttura organizzativa, l’organico è composto da due dipendenti e 16 volontari. La composizione delle risorse impiegate varia in relazione alle attività svolte, nella Sanità e Coesione sociale si riscontra un numero di dipendenti assai più elevato, una quindicina.
L’incidenza tra numero di volontari e popolazione residente è superiore nel Nord-Est con 1221 volontari su 10mila abitanti e nel Centro mentre in termini di dipendenti è il Nord-Ovest ad avere la percentuale più elevata (169 dipendenti ogni 10mila abitanti).
In crescita esponenziale,oltre 30%, sia dipendenti che volontari del Sud. Dal punto di vista giuridico la stragrande maggioranza di istituzioni sono associazioni riconosciute e non (l’85%), seguono le cooperative sociali (4,8%) le fondazioni (1,9%) e le istituzioni con altra forma giuridica (l’8%) rappresentante prevalentemente da enti ecclesiastici, comitati, istituzioni sanitarie o educative.
Cultura, sport e ricreazione sono gli ambiti nel quale si concentra il numero più elevato di realtà non profit: quasi 220mila, il 65% del totale. L’assistenza sociale è il settore del 9,2% del totale (anche attività di protezione sociale), seguito da relazioni sindacali, religione (realtà cresciute del 110%), istruzione, ricerca e sanità. Per quanto riguarda le finalità il 34,4% delle istituzioni non profit ha come mission il sostegno e il supporto ai soggetti deboli o in difficoltà, il 20,4% la promozione e la tutela dei diritti e il 13,8% la cura dei beni collettivi.
Alfredo Magnifico

Commenti Facebook