Home Dal Territorio Coldiretti Molise prenderà parte al Giubileo della Misericordia dedicato al comparto agricolo

Coldiretti Molise prenderà parte al Giubileo della Misericordia dedicato al comparto agricolo

237

Anche la Coldiretti Molise prenderà parte, sabato 12 a Roma, al Giubileo della Misericordia dedicato al comparto agricolo. L’udienza, presieduta da Sua Santità Papa Francesco si terrà in Piazza San Pietro a partire dalle ore 10 e vedrà la presenza anche di oltre un centinaio di molisani, fra dirigenti e imprenditori agricoli della maggiore associazione professionale agricola nazionale e regionale.
In realtà, il numero delle richiese di partecipazione al Giubileo è stato di gran lunga superiore ma esigenze di spazio nella piazza, ha fatto sì che ad ogni regione fosse assegnato un numero limitato di posti. Tuttavia, in queste ore, la struttura di Coldiretti Molise è impegnata al reperimento di altri pass che possano consentire la partecipazione ad un numero maggiore di persone.
“Il Giubileo della Misericordia del comparto agricolo – ha evidenziato il direttore regionale di Coldiretti, Saverio Viola – ci fornisce un importante momento di riflessione, oltre che di aggregazione, che contraddistingue il mondo agricolo e nella fattispecie la grande famiglia della Coldiretti da sempre legata indissolubilmente ai valori cristiani”.
“Sarà per tutti noi un giorno di festa e di riflessione – afferma il presidente regionale di Coldiretti Molise, Tommaso Giagnacovo - In questi giorni il comparto agricolo nazionale e molisano, che pur permanendo in uno stato di crisi di eccezionale gravità perdurante ormai da anni, sta registrando una serie di evidenti vittorie, che vanno dalla tracciatura obbligatoria della provenienza anche del latte a lunga conservazione e destinato alla trasformazione, agli ormai imminenti provvedimenti che si adotteranno nei confronti dell’uso del glifosato, con conseguente tutela del grano italiano esente da questa pratica, e per questo ci sentiamo uniti al nostro Sommo Pontefice nel ringraziare il Signore”.

Commenti

commenti

Commenti

commenti