Sigilli dei Nas allo studio privato dell’ex primario del San Timoteo

711

” Avrebbe esercitato la sua professione nonostante il provvedimento di sospensione temporanea dell’ordine dei medici” : sarebbero queste le colpe additate a Patrizia De Palma, ex primario del reparto di Ostetricia e Ginecologia del San Timoteo di Termoli, che secondo quanto “scoperto” dai militari dell’Arma avrebbe continuato a visitare pazienti nello studio di San Severo almeno fino a sabato scorso, quando i carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni di Campobasso, hanno apposto i sigilli alla struttura, infatti i carabinieri del Nas, coordinati dal Capitano Antonio Forciniti, hanno svolto le loro indagini e hanno appurato, con un blitz nello studio pugliese, che il divieto sarebbe stato violato.Per il legale della donna, l’avvocato Salvatore Di Pardo, si tratterebbe di un equivoco e presto sarà presentata la richiesta di dissequestro dello studio.

Commenti Facebook