Serie D/Isernia e Bojano al limite del grottesco

670

urbano1Caos societario nei due centri molisani, mentre è iniziato bene il Giacomarro bis a Termoli
L’Agnone attende l’Ancona per il big match del prossimo turno di campionato

Ancora alla ribalta delle cronache le formazioni molisane impegnare nel campionato di serie D per circostanze non riconducibili al calcio giocato. Se la scorsa settimana avevano fatto discutere le decisioni assunte dal Termoli relative al cambio di panchina, questa volta a lasciare sbigottiti ci hanno pensato Bojano e Isernia. I matesini stanno ripercorrendo vecchie strade e sembra di assistere ad un dejà vù. Giocatori in sciopero che lamentano gli emolumenti ed organizzazione societaria al limite del ridicolo: basti pensare che domenica scorsa un giocatore è sceso in campo con una maglietta su cui il numero è stato apposto con un pennarello.

Con queste premesse il risultato dei biancorossi non poteva che essere negativo. Così il popolo bojanese ha inscenato una minicontestazione alla quale i vertici societari hanno risposto chiedendo pazienza.
Ancora più grottesca la situazione che si sta vivendo ad Isernia. Cambio del presidente in corsa, con De Benedictis che ha preso il timone, e azzeramento delle cariche con dimissioni di direttore sportivo e direttore generale. Un caos totale a cui si fa fatica a porre un freno. La formazione biancoceleste resta inesorabilmente sul fondo della classifica con numeri che già fanno arrossire: 0 gol fatti e 9 subiti. Continuando così la retrocessione arriverebbe prima di Natale. Nel week end i pentri saranno impegnati sul rettangolo da gioco del Celano.
E’ iniziato bene il Giacomarro bis a Termoli. Gli adriatici stanno cercando di assimilare il prima possibile modulo e schemi del neo trainer per cercare di non perdere troppo terreno dalla vetta. Ora i giallorossi sono ad un sol punto dalla Civitanovese, capolista settimanale, e sono attesi dalla sfida interna con il Fano.
Piccolo passo indietro dell’Olympia Agnonese che nello scorso turno è incappata nella prima sconfitta stagionale. Nessun dramma in casa granata, visto che l’obiettivo stagionale non è certamente quello di vincere il campionato. Ad ogni modo la formazione di Urbano resta al secondo posto e cercherà il pronto riscatto nel match casalingo contro l’Ancona: gara che rappresenterà anche il big match della 5^ giornata.
Rs

Commenti Facebook