Pubblicato postumo il 28mo libro dello scrittore calabro-molisano Antonio Grano

934

Su iniziativa dell’Università delle Generazioni di Agnone e per concessione della figlia Valentina, è stato appena pubblicato , postumo e in esclusiva, come e-book dal sito di Messina www.costajonicaweb.it il 28mo libro di Antonio Grano “Le poesie dell’ultimo anno” che raccoglie, in 58 pagine, n. 57 poesie scritte prima della sua scomparsa avvenuta l’11 aprile 2014 nella sua casa-eremo di Macchia di Isernia. L’Autore, presentendo la sua immatura morte, aveva così intitolato queste poesie-testamento, evidenziando sulla pagina di copertina i versi “Quando il giorno verrà / lasciatemi partire. / Sarà quel che sarà, / ma non voglio soffrire”.
Infatti, Antonio Grano aveva più volte dichiarato a familiari ed amici di essere contro l’accanimento terapeutico. E a pagina 7 lo esprime ancora assai chiaramente, nero su bianco, dedicando versi assai commossi e veementi ad Eluana Englaro, la ragazza lombarda la quale, dopo 17 anni di coma, nel gennaio-febbraio 2009 è stata al centro della cronaca mediatica nazionale e di aspre polemiche a causa della decisione dei suoi genitori di “staccare la spina” alle macchine che la tenevano ad un filo di vita.
Ma Antonio Grano, in questa raccolta di poesie, affronta altri importanti temi personali e sociali, con l’intenzione di lasciare ai propri eredi conosciuti (familiari, parenti, amici ed estimatori) e sconosciuti un segno delle convinzioni raggiunte, con studi ed esperienze, nel corso della sua appassionata esistenza. Così “Le poesie dell’ultimo anno” si aggiungono all’eredità sociale già cospicua che ci lascia il “brigante calabro-molisano” (come amava definirsi, anche per i suoi tanti libri assai critici pubblicati sulla mala-unità d’Italia). La sintesi della sua biografia e dei suoi 27 libri già dati alle stampe e una breve biografia può essere viste nel sito www.antoniograno.it curato dalla figlia Valentina, sua unica erede. Restano ancora da pubblicare parecchi altri importanti scritti (completi ed incompleti) rimasti inediti.   Domenico Lanciano

Commenti Facebook