Cammina al Loto: Musei a cielo aperto, aspettando SAUL!

1054

In occasione dei week end di novembre al Loto, l’A.C. La TERRA, organizzatrice di “Cammina, Molise” e il Teatro del LOTO presentano: Cammina al LOTO! Week End di Teatro, Ambiente, Enogastronomia con spettacoli al LOTO, nel Borgo di Ferrazzano, escursioni tra i Borghi del Molise Centrale, degustazione prodotti tipici delle aziende del territorio molisano. 14 – 15 – 16 novembre – Musei a cielo aperto… aspettando SAUL!
Programma:

Venerdì 14
ore 18:00 – arrivo e briefing nel Borgo di Ferrazzano – aperitivo musicale accoglienza con passeggiata nel borgo antico;
ore 20:00 – trekking notturno nel Museo a Cielo Aperto di Casalciprano cena presso Antichi Sapori
ore 22:00 – trekking notturno nel Borgo Murattiano di Campobasso – rientro libero nelle sistemazioni assegnate

Sabato 15
ore 10:00 – escursione tra boschi e vigne da Monte Vairano a Baranello e visita al Museo della Civilt・Contadina.
ore 13:00 – colazione/degustazione prodotti tipici e ……. Tintilia in cantina.
ore 16:00 – visita al Museo ottocentesco di Baranello
ore 19:00 – spazio libero di riposo con opzione cena presso il Biistrot del Loto
ore 20:00 – cena light prima dello spettacolo
ore 21:00 – Spettacolo al Teatro del LOTO: SAUL di Vittorio Alfieri
dopo teatro – cena light con la Compagnia del Saul

Domenica 16
ore 9:30 – trekking urbano Borgo Murattiano e centro Storico di Campobasso.
ore 12:30 – aperipranzo in centro e ripartenza per proprie sedi.

Il Saul è l’unica tragedia che si ispira alla Bibbia (primo libro dei Re). Saul, abbandonato da Dio e tormentato da uno spirito maligno non è più il re vittorioso. La sua ira è rivolta contro Achimelech, sommo sacerdote, accusato di aver unto re David (genero di Saul, in quanto sposo della figlia Micol). Perciò, anche per le esortazioni malefiche del ministro Abner, David è bandito. Tornerà nel momento della lotta contro i filistei, ma Saul non ne accetterà l’aiuto nè condividerà il suo piano di battaglia così Saul sarà vinto e attingerà la grandezza nel suicidio lasciandosi cadere sulla sua spada. Il personaggio di Saul è il più riuscito dell’intero teatro alfieriano: personaggio potentemente umano e drammatico, nella sua intera grandezza e nella sua cupezza sconsolata, nella sua qualità di sovrano e insieme nella sua condizione di padre, che prega che Micol possa salvarsi non come sua figlia ma come moglie di David. La scena finale del suicidio è quella in cui meglio si esprime la poesia dell’Alfieri: poesia del “forte sentire” del dolore e della morte come affermazione estrema della libera volontà. E’ poesia della solitudine: perchè Saul, come Mirra è solo, e le figure di contorno sono troppo inferiori al protagonista. Ma proprio tale solitudine potenzia l’umanità di Saul; ed è questa vanità che lo differenzia dagli altri tiranni alfieriani e ne fa un personaggio completo e mirabilmente delineato. Il medesimo Alfieri riconosceva che in Saul c’è “di tutto di tutto assolutamente”; e così ben coglieva quel carattere di “totalità” umana ed artistica che è proprio di questo suo personaggio. Il Saul è l’espressione più compiuta del mondo interiore dell’Alfieri ed il suo capolavoro di poesia. DA 34 anni dall’ultima edizione italiana, quella di Giovampietro ・maestro, cui dedico questa nuova versione del capolavoro del Bardo di Asti, per quanto amore per Alfieri mi ha trasmesso – credo che il SAUL del LOTO possa proporsi come un arrembante e sorprendente nave pirata nell’attuale panorama teatrale italiano. In un’epoca dominata da Social e facili consumi, fare del verso in undici sillabe, così straordinariamente efficace per suono e sintesi, il proprio credo teatrale può forse sembrare antistorico. In realtà, credo, sia un’impresa che rivitalizzi e proietti nel futuro la ricerca teatrale del Libero Opificio Teatrale Occidentale: il Teatro del LOTO.  Un’impresa che può ancor più dimostrare che dal pù bel Piccolo Teatro d’Italia – quello spazio unico e straordinario che abbiamo inaugurato a Ferrazzano, Molise-  può arrivare in versi un segno importante per continuare ad amare e praticare un mestiere bellissimo che sempre ti tiene a contatto con gli umani destini- Stefano Sabelli

nfo e prevendite:
Teatro del LOTO cell. +39 339.7766634
Libreria MONDADORI via Pietrunto CB tel. 0874.413757
Ass. Il PENTAGRAMMA Boiano

Commenti Facebook