Un corso di formazione professionale ha varcato i confini regionali

764

Per la prima volta stamane un corso di formazione professionale continua per giornalisti, realizzato da molisani e protocollato al Consiglio Nazionale dell’Ordine, ha varcato i confini regionali. Dopo l’esperimento inaugurato a Campobasso il 16 marzo scorso presso la Facoltà di Medicina dell’Unimol, in sintonia con l’Ordine del Molise, oggi stesso appuntamento al teatro comunale di Città sant’Angelo, in sinergia con l’Ordine dei Giornalisti dell’Abruzzo. Al cospetto di una sala quasi al limite, si sono affrontati i temi del plagio, del diritto d’autore, della previdenza giornalistica nel diritto d’autore, della terza pagina, della critica musicale, della comunicazione musicale, della comunicazione nel web, della crisi dell’editoria per così dire… di nicchia. Ben 150 i presenti, tra i quali i colleghi molisani Emanuele Bracone, Ennio Di Loreto, Chiara Valentini, l’artista Maria Stella Rossi, i giornalisti scientifici Pasquale Cordoma ed Antonio Longo. Ad aprire i lavori anche un intermezzo musicale del quartetto a fiati del Conservatorio “Luisa D’Annunzio” di Pescara, rappresentato dal vice direttore dell’Istituto di Alfa Cultura M° Alfonso Patriarca. A relazionare e a rispondere alle domande dei colleghi, i consiglieri nazionali dell’Ordine M° Vincenzo Cimino e Cosimo Santimone, il giornalista musicale M° Giuseppe Lanese, il giornalista ed esperto di comunicazione web Roberto Zarriello, il musicologo e docente di pianoforte al Conservatorio pescarese M° Piero Di Egidio e il noto critico musicale della Gazzetta del Mezzogiorno M° Ugo Sbisà, preceduti dal collega critico musicale abruzzese M° Paolo Di Vincenzo. Molto probabilmente il corso formativo sarà replicato in Calabria, Puglia, Campania e Lombardia.

Commenti Facebook