Trasporti pubblici: Anche a Pasqua i lavoratori di Atm e Sati restano al verde

1222

Non bastava l’ultimo Natale scorso, le due aziende di trasporto pubblico più grandi del Molise ATM e SATI, anche per la festività della Santa Pasqua non hanno  pagano gli stipendi ai propri dipendenti.  Ormai da anni, oltre alle tante anomalie presenti nelle aziende,  gli autisti denunciano i sistematici ritardi dei pagamenti delle spettanze maturate, dopo diversi scioperi, numerosi presidi, ingiunzioni di pagamento, i lavoratori si erano rivolti direttamente all’assessorato trasporti, infatti, con oltre ottanta richieste protocollate il 13/03/15, chiedevano allo stesso ente di attivare la procedura prevista dal codice degli appalti, sostituendosi alle ditte inadempienti, per il  pagamento degli stipendi e dei contributi.
Nonostante sono passati 22 giorni, a fronte dei 15 previsti dalla procedura, nulla è arrivato nelle tasche dei lavoratori ormai disillusi e sfiduciati da tutti, e così oltre a non poter trascorrere una serena Pasqua con i propri familiari, continuano a trovarsi in grandi difficoltà economiche anche verso terzi creditori.
Al dire di molti lavoratori sembrerebbe che anche la Regione , la quale aveva dichiarato in conferenza stampa di aver intimato le aziende a pagare, in alternativa si sarebbe sostituita alle due società nel pagamento delle mensilità non ha rispettano le promesse fatte.
Ad oggi, nonostante la scissione delle due aziende ATM  e SATI avvenuta ormai da più di nove mesi, ci spiegano i tanti dipendenti, nulla é cambiato, nulla é migliorato, neanche in SATI, che a differenza del passato, sembra aver ereditato tutte le cose negative della ex azienda partecipante.
In definitiva i lavoratori quotidianamente prestano il proprio servizio lavorativo, le aziende non pagano e la regione non si muove. Unica speranza per le tante famiglie, soprattutto quelle monoreddito, é che la resurrezione faccia rinascere le coscienze e che tutti possano attivarsi per le proprie competenze.
Nonostante ciò, i lavoratori colgono l’occasione per ringraziare e augurare  ai dirigenti delle rispettive aziende ( SATI e ATM) e all’Assessorato ai Trasporti una serena e Santa Pasqua.

Emilio Santangelo ( Faisa Cisal)

Commenti Facebook