Tessere di libera circolazione: le Società di trasporto hanno l’obbligo di rispettare le regole

685

assessore nagni “Va  chiarito che l’utilizzo gratuito del servizio degli autobus ai titolari delle tessere di libera circolazione è un diritto riconosciuto dalla normativa vigente e la garanzia del suo esercizio costituisce un obbligo per le autolinee, urbane ed extra urbane, che si devono attenere  a quanto stabilito dalla legge”.  A dichiararlo l’assessore regionale ai Trasporti Pierpaolo Nagni che interviene in merito alla confusione ingenerata nell’ultimo periodo da alcune società di trasporto che  non consentono più l’utilizzo gratuito del servizio degli autobus ai titolari delle tessere di libera circolazione.

“Il trasporto gratuito, concesso perlopiù ad invalidi e pensionati, è un diritto che non può essere ignorato  – ha continuato l’assessore –  avuta notizia di spiacevoli episodi in cui i possessori di tali titoli sono stati obbligati ad acquistare il biglietto per poter proseguire la loro corsa, ci siamo prontamente attivati per  invitare, più volte,  le società a desistere da tale comportamento illegittimo e sanzionabile.
Questo – ha concluso Nagni –  aldilà delle questioni relative alla forma di pagamento, che riguardano, esclusivamente, il rapporto tra gli enti interessati”.
Ricordiamo, inoltre, che le tessere di libera circolazione vengono rilasciate agli aventi diritto dalla Regione, su richiesta specifica dei Comuni, enti ai quali va presentata  la domanda e la relativa documentazione, sia per quel che riguarda i rinnovi, sia per le nuove emissioni. La struttura dell’assessorato ai trasporti invita i cittadini a segnalare altri eventuali interruzioni di servizio da parte delle società, per poter avviare  sanzioni amministrative e denunce alle autorità competenti.

Commenti Facebook