New York Times : il Molise tra le 52 mete preferite al mondo per il 2020

1094

“Alla fine il lavoro paga!” è raggiante l’assessore regionale al Turismo, Vincenzo Cotugno, dopo l’articolo del New York Times che pone il Molise tra le 52 mete preferite al mondo per il 2020. “Da un anno e mezzo il Governo regionale sta puntando concretamente, con progetti e fondi economici, al rilancio turistico della nostra regione. Un territorio ricco di cultura, storia ed arte che merita di essere visitato perché al suo interno conserva quelle doti di naturalezza difficilmente individuabili in altri posti.


Sono certo che il Piano Strategico del Turismo, varato dal Consiglio regionale, contribuirà a migliorare il grado di attrazione della nostra regione sul turismo internazionale. La parola d’ordine è quella di crederci e di fare rete sull’intero territorio regionale, senza campanilismi o sterili discussioni, ma con l’unica volontà di remare uniti verso la stessa direzione!”.
Al primo posto c’è la capitale Washington, per rimarcare la sua importanza politica nell’anno delle elezioni, poi ci sono paradisi da scoprire come il Tagikistan o scontate come Minorca. Insieme alla Sicilia 7° posto, il New York Times tra i “52 posti da visitare nel 2020” inserisce il Molise al 37° posto e la città di Urbino.


La parte riguardante il Molise ironicamente inizia così: ” Mai sentito parlare del Molise? Non essere in imbarazzo. Perfino molti italiani non sono stati in questa regione dell’Italia centro-meridionale. Ma quelli che compiono il pellegrinaggio hanno scoperto una delle parti più spettacolari del paese e la sua regione più giovane; faceva parte dell’Abruzzo-Molise fino al 1963. (—)”. Si nomina Altilia -Sepino, la costa di termoli, la transumanza, ma c’è molto, molto di più! Bhè una rivincita non da poco, soprattutto per chi in questa regione ha deciso di rimanerci, e non parlo di politica, e si adopera per conservare ciò che gli è stato tramandato e ancor di più per portarlo a conoscenza ( ndr).
Classifica New York Times link

Commenti Facebook