Maggiore semplificazione amministrativa in agricoltura, l’apprezzamento di Coldiretti

705

Il Consiglio della Coldiretti Molise ha espresso apprezzamento per l’ulteriore passo avanti fatto dalla Regione Molise verso una maggiore semplificazione amministrativa in agricoltura, rappresentato dalla recente delibera di Giunta Regionale n. 632, che modifica la legge regionale del Molise n. 2 del 2011. Come chiarisce il direttore della Coldiretti Molise, Saverio Viola: “ La delibera di Giunta della Regione Molise rende operativa la legge regionale che, al fine di perseguire obbiettivi di semplificazione e snellimento dei procedimenti di interesse dei soggetti che esercitano l’attività agricola, individua i procedimenti di competenza dell’amministrazione regionale, dei suoi enti strumentali e degli enti locali, per i quali è ammessa la presentazione dell’istanza per il tramite dei Centri autorizzati di Assistenza Agricola (CAA) ai sensi dell’articolo 14, comma 6, del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 99. Le amministrazioni competenti adottano il provvedimento finale entro il termine indicato, per ciascun procedimento. Decorso tale termine, il silenzio dell’amministrazione equivale ad accoglimento dell’istanza. Con tale procedura le aziende agricole e tutti i soggetti interessati hanno tempi certi sulla istruttoria della pratica, che sono fondamentali per poter adeguatamente programmare le attività produttive e di investimento.” Come ha affermato il presidente di Coldiretti Molise, Tommaso Giagnacovo: “La Coldiretti rivendica con forza la necessità di coniugare al meglio la trasparenza e la rintracciabilità all’interno delle filiere agricole con la semplificazione burocratica di alcuni adempimenti, per dare certezze sulle modalità ed i tempi di risposta alle aziende agricole da parte della Pubblica Amministrazione. La delibera di Giunta della Regione Molise si coniuga bene con le riforme previste a livello nazionale nel pacchetto  “#campolibero”  del decreto sulla competitività, che ha già portato alla semplificazione di alcuni adempimenti a carico delle imprese agricole, come le disposizioni relative al registro unico dei controlli ispettivi, finalizzate ad evitare duplicazioni e sovrapposizioni nelle procedure di controllo ed a recare minor intralcio all’esercizio dell’attività d’impresa, ed al testo unico per il settore vitivinicolo. La green economy e l’agricoltura sostenibile aprono opportunità di lavoro che sono ben apprezzate dai giovani e possono contribuire alla crescita sostenibile ed alla ripresa economica ed occupazionale in Italia ed in Molise. Semplificare le procedure ed i tempi della burocrazia è fondamentale per non penalizzare lo spirito imprenditoriale. Positiva risulta anche la recente approvazione della Camera del decreto legge agricoltura, con misure strutturali importanti per le filiere agroalimentari italiane, e che adesso passerà al Senato per l’approvazione definitiva.”

Commenti Facebook