Cucina e dintorni/ Ora è il momento di ripartire

402

di Stefano Manocchio*
Saranno settimane fondamentali per la ristorazione italiana, quelle che seguiranno. I danni economici conseguenti l’epidemia di coronavirus si fanno già sentire in tutti i settori e ristoranti e trattorie, o locande e fast-food, non possono sentirsi esentati, anche se questi ultimi con il sistema ‘drive’ hanno iniziato forse meglio degli altri l’azione di recupero. Le misure governative di ristoro e quelle locali (soprattutto regionali) hanno permesso alle istituzioni di mettere in campo risorse economiche ingenti, come mai si era visto prima; eppure non basteranno a colmare il gap che si è formato rispetto alla fase ‘normale’. C’è chi non ha riaperto ancora i battenti e chi l’ha fatto con tanta paura e risultati esigui; ma c’è chi è nel ‘guado’ in una zona mediana che permette di pensare ad un recupero, casomai lento, ma possibile.
Ora è il momento di organizzare la ripartenza, perché sara presumibilmente l’autunno il periodo peggiore per i settori legati alla cucina, quando cioè le politiche di sostegno, già di per sé non sufficienti, verranno accantonate. Sarà un confronto duro con un mercato che potrà tornare com’era solo fra 1 o 2 anni. I ristoratori hanno capito ciò e stanno già da adesso profondendo sforzi notevoli per promozioni, avvisi pubblici, campagne sulla comunicazione e pubblicità, organizzazione di eventi da fare quando sarà tornata la ‘normalità’.
Sono scelte coraggiose, che possono valere la sopravvivenza economica: vanno incoraggiate senza riserve.
LA RICETTA DELLA SETTIMANA. Pennette e zucchine casce o e ova. In un tegame, olio, cipolla e aglio da far appassire a fuoco moderato, poi le zucchine tagliate a dadini e far cuocere per venti minuti aggiungendo acqua calda e a fine cottura trito di prezzemolo. In una terrina battere i tuorli delle uova, con sale e pepe, e formaggio; unire il composto alle zucchine e girare per far amalgamare. Scolare le pennette al dente ed unirle al condimento in tegame e mescolare bene; in impiattamento aggiungere altro trito di prezzemolo.

  • giornalista appassionato di cucina
Commenti Facebook