Ance Molise: sbloccare tutte le opere cantierabili

579

Si è svolta il 9 settembre, l’audizione dell’Ance Molise nella Commissione lavori pubblici del Comune di Campobasso. Umberto Uliano, Presidente dell’Ance Molise, ha illustrato la situazione delle imprese edili molisane soffocate dalla grave crisi economica degli ultimi anni, chiedendo con forza rassicurazioni sull’attenzione che l’amministrazione cittadina intende riservare alle prospettive di sviluppo del settore delle costruzioni, con particolare riferimento al comparto delle opere pubbliche.
Uliano ha consegnato all’Assessore Maio, al Presidente della Commissione Massarella e agli altri componenti della Commissione un documento articolato e completo nel quale sono stati individuti i problemi del settore che vanno risolti tempestivamente, senza rinvii.
“Occorre attivare da subito tutte le possibili sinergie per far ripartire i lavori pubblici sul territorio comunale, puntando con grande determinazione a risolvere il problema dei finanziamenti, dei ritardati pagamenti alle imprese, dell’espletamento delle procedure di gara con procedure accelerate e semplificate e del monitoraggio sullo stato di attuazione degli interventi. Per rendere permanente il dialogo occorre attivare da subito un apposito “Tavolo di confronto” che si riunisca periodicamente e con cadenze ravvicinate, puntuando anche sulla lotta concreta contro ogni forma di inutile burocrazia che penalizza soprattutto le imprese di costruzione, costrette quotidianamente ad affrontare mille ostacoli e difficoltà per ottenere ciò che spetta di diritto a qualsiasi operatore economico”.
L’Ance ritiene indispensabile sbloccare tutte le opere cantierabili ed effettuare un’attenta ricognizione dello stato relativo alla progettazione delle opere finanziate per evitare che nonostante ci siano i fondi i progetti non siano ultimati, con la conseguente impossibilità di appaltare i lavori.
Uliano ha dichiarato totale disponibilità ad ogni forma di collaborazione, offrendo all’amministrazione anche supporto tecnico, chiedendo, però, rassicurazioni in merito al maggiore coinvolgimento delle imprese edili locali nella procedure di affidamento, nella piena legalità e correttezza, per fare dei lavori che si realizzaranno uno strumento vero di sviluppo economico del territorio comunale.

Commenti Facebook