Abbiamo salvato l’ex Romagnoli dalla cementificazione, adesso c’è da pagare il conto. Avviata raccolta fondi pubblica

800

Come molti ricorderanno, nel 2009 cittadini ed associazioni si mobilitarono contro la prima ipotesi del c.d. Master Plan che avrebbe consentito l’edificazione di circa 40.000 mq sull’area dell’Ex Romagnoli. In particolare l’associazione Fare Verde ricorse al TAR contro il progetto, riuscendo a far annullare quell’accordo di programma che successivamente è stato rivisto e rimodulato dalle parti politiche interessate, fino ad arrivare alla situazione odierna che vede l’area ancora sgombera ed in attesa di diventare quel Parco Urbano tanto desiderato dalla comunità campobassana. Quella sentenza del TAR venne comunque impugnata dalla Regione Molise dinanzi al Consiglio di Stato che nel 2010 annullò la decisione del TAR, condannando l’associazione ricorrente al pagamento delle spese legali per l’avvocatura dello Stato, quantificate in 2000 euro. Fare Verde, associazione ONLUS che basa la propria attività esclusivamente sul volontariato dei propri aderenti e simpatizzanti, ha condotto una battaglia in nome di tutti quei campobassani che si sono dichiarati a favore del Parco Pubblico su quell’area, scongiurando uno scenario certamente dannoso per l?assetto urbano cittadino ed aprendo la strada a quella riduzione dei volumi e soprattutto alla salvaguardia della grande area verde che sarà tramutata in un parco urbano. una battaglia decisiva, che però avuto un costo: 2000 euro da pagare entro il 10 agosto 2015. Non disponendo di sufficienti risorse, abbiamo quindi avviato una campagna pubblica di raccolta fondi, chiedendo a tutti di condividere la giusta causa e contribuire, per quanto possibile, al raggiungimento dell’obiettivo. Un appello che rivolgiamo a tutti i cittadini, agli amministratori, ai partiti politici di ogni schieramento, alle organizzazioni, alle associazioni, ai comitati, affinché il costo di una sacrosanta battaglia a tutela degli interessi collettivi e del bene comune, non ricada unicamente su chi non si è tirato indietro nel momento delle scelte difficili, ma venga ampiamente condivisa dalla collettività.

E’ possibile aderire alla raccolta fondi attraverso un bonifico oppure una ricarica PostePay, con le modalità illustrate sulla pagina/evento facebook No cemento sull’ex Romagnoli. Chi paga il conto? Oppure contattando direttamente l’associazione Fare Verde all’indirizzo [email protected]
Confidiamo nel sostegno e nella partecipazione di tutti.

Commenti Facebook