Trasporto locale in Molise, interrogazione dell’eurodeputata M5S Rosa D’Amato

109

La portavoce M5S al Parlamento Europeo e componente delle Commissioni che si occupano di turismo, infrastrutture, agricoltura e sviluppo rurale,  Rosa D’Amato ha presentato interrogazione  sul trasporto pubblico locale in Molise.

Durante la visita a Bruxelles il 5, 6 e 7 settembre, i due portavoce M5S in Consiglio regionale Andrea Greco e Angelo Primiani hanno portato all’attenzione dell’Europa diversi temi e problemi del Molise, tra i quali la questione del trasporto pubblico locale.

“Dal 2011 siamo in attesa di un gestore unico del TPL che non è mai arrivato, e intanto continuiamo a pagare di più il gestore che effettua più chilometri (contro ogni legge del mercato) e che non garantisce pagamenti regolari ai lavoratori – avevano spiegato a Bruxelles Greco e Primiani.”

Il Consiglio regionale, fin dal 2011, ha affidato il trasporto pubblico locale su gomma a due società, Sati Spa e Atm Spa. Questi contratti dovevano essere temporanei in quanto bisognava fare una gara, un bando pubblico, tramite la centrale unica di committenza. Ma questo bando non è mai stato fatto e la Regione, fino ad oggi, ha continuato a stipulare con le due società dei contratti ponte. Rosa D’Amato aveva confermato l’assurdità della situazione e aveva promesso di sottoporla al più presto all’attenzione della Commissione europea tramite una interrogazione in Parlamento europeo.  A meno di due mesi, l’interrogazione è stata presentata.

Si chiede alla Commissione europea se l’affidamento del servizio alle due società e la durata dei contratti in essere rispettano le prescrizioni della normativa comunitaria, in particolare i Regolamenti n.1370/2007 e n.2338/2016. E, se così non fosseRosa D’Amato chiede alla Commissione cosa intende fare affinché la Regione Molise si adegui alla normativa comunitaria.

Commenti Facebook