Sicurezza/ Novanta detenuti e 21 operatori penitenziari positivi al Covid nelle carceri abruzzesi e molisane

147

Riceviamo e pubblichiamo

Novanta detenuti e 21 operatori penitenziari positivi al COVID, nelle carceri abruzzesi e molisane. Puglielli, Amantini e Merola (Fp Cgil Abruzzo Molise): panorama preoccupante.

Anche gli Istituti Penitenziari dell’Abruzzo e del Molise stanno pagando l’amaro prezzo di questa terribile pandemia, visti i numeri interessanti di contagiati, tra detenuti e personale, specie a Sulmona. A darne notizia sono Paola Puglielli, Antonio Amantini e Giuseppe Merola della Funzione Pubblica CGIL Abruzzo Molise che, instancabilmente da tempo, lanciano l’allarme sul sistema penitenziario.

La situazione è sicuramente sotto controllo, tenendo conto degli indefessi sforzi quotidiani di tutti, senza tralasciare i discreti approvvigionamenti di Dpi e protocolli definiti sulla prevenzione e sicurezza, ma resta comunque troppo alto il numero dei positivi e la legittima paura tra i nostri lavoratori che chiedono garanzie e tutele – continuano i sindacalisti – Negli ultimi giorni, abbiamo registrato anche l’ospedalizzazione di alcuni detenuti, presso alcuni nosocomi, con relative difficoltà logistiche ed organizzative per la Polizia Penitenziaria. Servono immediati e seri interventi politici sulle carceri, a difesa di tutta la collettività, vista la presumibile scientifica “terza ondata”. – chiosano senza mezzi termini Puglielli, Amantini e Merola – prima che sia troppo tardi.

L’apparato penitenziario generale già presentava delle peculiarità affannose e critiche – conclude il sindacato – e in questo storico momento di crisi, purtroppo, si fanno i conti con la realtà. Bisogna cambiare rotta ed investire efficacemente sulle risorse umane, mezzi e strutture.

Commenti Facebook