Piano di Ripresa e Resistenza per il Recovery Fund, Sciulli (ANCI): positivo avvio del percorso

143

Ci sono l’ attuazione della Strategia Nazionale delle Aree Interne , la Rigenerazione e
riqualificazione dei contesti urbani, borghi ed aree interne e montane, nelle linee guida
del “Piano nazionale di ripresa e resistenza”, per definire come usare le risorse del
Recovery Fund ci sono le proposte dell’ANCI MOLISE accolte e varate nel documento
esaminato dalla Conferenza interministeriale per gli Affari europei. Oltre a borghi e montagna, ci sono il completamento della rete nazionale di telecomunicazione in fibra ottica “, la “Digitalizzazione ed innovazione della PA, sviluppo delle infrastrutture e servizi digitali del Paese.

Ancora, “Protezione ambiente e mitigazione rischi idrogeologici e sismici” oltre a
“Miglioramento efficienza energetica e antisismica degli edifici pubblici, privati e degli
stabilimenti produttivi”.

“Tutti temi evidenzia Pompilio Sciulli, Presidente ANCI MOLISE che avevamo posto al Governo e al Parlamento nel corso degli Stati generali della Montagna e non solo. Ringrazio i Ministri Amendola, Provenzano, Pisano e Boccia, il Consigliere per la Montagna Borghi e il Presidente dell’Intergruppo parlamentare Parolo per il lavoro fatto fin qui, primo atto. Positivo. Ora le linee guida andranno all’esame del Parlamento

Positivo. Ora le linee guida andranno all’esame del Parl amento e proseguiamo nel Comitato tecnico della CIAE il lavoro tecnico operativo sulle operazioni da portare sui
territori per spendere le risorse bene del Recovery Fund, 209 miliardi di euro, generando
sviluppo, coesione, inclusione.

Si sancisce in questo primo documento un punto politico
istituzionale importantissimo per noi, e cioé il contrasto alle sperequazioni territoriali che non sono solo nord sud ma anche aree montane aree urbane. Serve un patto nuovo che dobbiamo costruire. Anche definendo i Livel li essenziali delle Prestazioni, LEP, attesi da vent’anni e previsti nel Piano.

Commenti Facebook