Merola (FP CGIL): Non chiamateli solo eroi. Vicinanza e solidarietà al personale sanitario, ricordando anche chi presta servizio nelle carceri

197

Nella giornata di oggi, presso l’Ospedale Civile “Santo Spirito” di Pescara, ci sarà un presidio a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità.
Questa iniziativa, avviata unitariamente dalle compagini sindacali confederali di categoria, in tutto il territorio nazionale, per esprimere la solidarietà alle loro giuste e sacrosante rivendicazioni: SICUREZZA, CONTRATTI e ASSUNZIONI.


Con l’acuirsi dell’emergenza, le lavoratrici ed i lavoratori sanitari stanno operando in condizioni difficili e stressogene, spesso esposti anche ad elevati rischi, dimostrando sempre, però, le loro costanti ed encomiabili qualità umane e professionali, nonché profondo ed incondizionato senso del dovere.
Ciò non basta, e le loro rivendicazioni vanno ascoltate dalla politica e dalle Istituzioni.
Ora più che mai. Servono investimenti, sicurezza nei luoghi di lavoro, riconoscimenti contrattuali ed assunzioni di nuovo personale.

LA FP CGIL Abruzzo Molise Comparto Sicurezza-Polizia Penitenziaria scende in campo ed esprime la piena solidarietà e sostegno, ricordando ed evidenziando anche il nobile e silenzioso lavoro di questi operatori che, quotidianamente, espletano negli Istituti Penitenziari abruzzesi e molisani e in questi mesi hanno dimostrato sensibile e scrupolosa attenzione per la gestione COVID 19 -afferma Giuseppe MEROLA –

Commenti Facebook