La Cgil Abruzzo -Molise scrive al Ministro Speranza: in regione evidente stato confusionale ed emergenziale prima del Covid

145

Onorevole Ministro,

la CGIL Abruzzo-Molise è estremamente preoccupata per la situazione  che, nella Regione Molise, investe il sistema sanitario, in evidente stato confusionale ed emergenziale già prima di questa tremenda crisi di portata pandemica, e si rivolge a Lei come massima autorità Istituzionale del settore, nell’interesse non solo di lavoratori, operatori e addetti ai servizi ospedalieri e territoriali, ma anche per il rispetto del dettato Costituzionale che si deve garantire ad ogni cittadino sul territorio nazionale in materia di Diritto alla Salute.

In questa sede appare superfluo ricordare che in Molise insiste una struttura commissariale ormai da 12 anni ma tale struttura ha determinato, nel tempo,  ulteriori dissesti e un’ offerta di servizi e di assistenza sul territorio a dir poco discutibile e precaria.

Oggi, con lavoratori, cittadini e pensionati allo strenuo delle forze e al limite della sopportazione, siamo costretti ad assistere all’ennesimo rimbalzo di responsabilità tra Regione Molise, Azienda sanitaria Regionale e Struttura Commissariale, che diventa oltremodo insopportabile nel periodo in cui la gente è assalita dalla paura per la sorte propria e dei propri cari.

Si rincorrono notizie, in una fase tanto delicata, sulla ufficializzazione delle dimissioni del Commissario Giustini, mentre ci risultano carenze nella somministrazione di vaccini Anti Covid  per un errore della fornitura di siringhe e registriamo l’ennesimo focolaio di contagio all’interno di un reparto cruciale come quello di Chirurgia dell’Ospedale Cardarelli di Campobasso, a danno del personale sanitario e dei pazienti. A nostro modo di vedere, tra l’altro, la scelta di classificare tale ospedale idoneo per pazienti Covid è stata sbagliata e per taluni aspetti inspiegabile.

Le vicende sopra narrate fanno si che i cittadini molisani nutrano  sfiducia nelle Istituzioni e nello Stato che, ora più che mai, dovrebbero, invece, far sentire la loro vicinanza alla popolazione.

La CGIL Abruzzo-Molise chiede un Suo autorevole intervento per ripristinare immediatamente le condizioni di uno Stato di Diritto in una situazione che rischia di assumere caratteristiche drammatiche e tragicomiche per come viene narrata e percepita sul territorio.

Certi di una Sua celere risposta alla nostra sollecitazione restiamo  a disposizione per qualsiasi ulteriore confronto e approfondimento su questa delicata materia.                                                                                                                                        

            Carmine Ranieri                                                                   Paolo De Socio

Segretario Generale CGIL Abruzzo-Molise                           Segretario Generale CdLT CGIL MOLISE

Commenti Facebook