Covid 19/In Molise si rispetti la Costituzione garantendo i livelli essenziali di Assistenza Sanitaria ai cittadini

190

In Molise l’emergenza sanitaria preclude la garanzia dei livelli essenziali di assistenza ai cittadini, non esiste alcun ospedale D.E.A. di II° livello in tutta la regione, e l’unico D.E.A. di I° livello, l’Ospedale Cardarelli di CAMPOBASSO, individuato con un grave errore quale CENTRO COVID è alle prese con contagi che hanno determinato la chiusura del reparto di CHIRURGIA col blocco dei ricoveri e degli interventi non urgenti.

Nel resto del Molise permangono in attività solo due ospedali di base, rispettivamente a Isernia e Termoli, ed un presidio ad Agnone, che scontano i tagli di posti letto, il blocco del turn over, i mancati investimenti di adeguamento e manutenzione, ed il blocco delle assunzioni per via del commissariamento del sistema sanitario disposto dallo Stato il 29 luglio 2009 e tutt’ora in atto.

In questi giorni è oltremodo improbo garantire gli interventi tempo-dipendenti di emergenza-urgenza con grave rischio per la salute pubblica come hanno evidenziato tutte le organizzazioni sindacali del comparto sanitario in più istanze che attendono di essere riscontrate. Per queste ragioni e non comprendendo come in piena pandemia da settimane a Roma anziché concentrarsi sul superamento della crisi sanitaria, sociale ed economica, è indispensabile che il Governo adotti le seguenti misure con somma urgenza:
1) Estensione al Molise delle disposizioni del Decreto Legge 4.11.20 adottato per la Calabria con la nomina di un Commissario ad Acta dotato di poteri, risorse aggiuntive e funzioni;
2) Apertura immediata del Centro COVID a LARINO con urgente messa in sicurezza e bonifica ambientale dei reparti del Cardarelli di Campobasso coinvolti dai contagi COVID;
3) Estensione dell’accordo firmato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile con Emergency al Molise, individuando in via eccezionale anche personale medico delle Forze Armate a tutela della salute della popolazione molisana;
4) Procedere ad un celere reperimento di medici, infermieri, tecnici e OSS per assicurare il normale funzionamento della medicina territoriale, d’urgenza e ospedaliera, stante i recenti riscontri dei Verbali dei NAS da cui emerge una pericolosa carenza d’organico.


APPELLO al Segretario Nazionale Nicola FRATOIANNI, al Capogruppo al Senato Loredana DE PETRIS, alla rappresentanza parlamentare e agli Organi di Direzione Nazionale di Sinistra Italiana.
Il Segretario Regionale (LeU – SINISTRA ITALIANA del Molise) Avv. Vincenzo Notarangelo

Commenti Facebook