Commercio/ appello della Uil e della UilTuCs per una reale limitazione ai tempi del Covid 19

333

In questo periodo va necessariamente approfondita la questione del commercio“- esordiscono Tecla Boccardo, Segretario Generale della UIL Molise e Pasquale Guarracino, Segretario Generale della UILTuCS Molise – “tutti i cittadini hanno, logicamente, necessità di recarsi a fare la spesa e , quindi, ciascuno di noi necessariamente passerà per la cassa di un supermercato o di un negozio del commercio per pagare i propri acquisti.

Comprendiamo benissimo, dunque, di che portata sia il rischio che TUTTI I GIORNI corrono gli operatori del commercio in questo momento storico: bisogna, perciò, condividere alcune riflessioni.

Innanzitutto, sino alla fine di febbraio i molisani hanno coltivato l’abitudine sbagliata di fare la passeggiata domenicale all’interno dei centri commerciali, invece che godere con la propria famiglia di tutte le bellezze che offre il territorio: oggi, che questo è precluso dai decreti del Presidente del Consiglio, noi chiediamo fortemente che tutti i negozi del commercio, anche la grande distribuzione organizzata, siano chiusi la domenica ed i festivi.
Chiediamo anche, con forza, che la chiusura di tutti gli esercizi commerciali sia sempre anticipata alle ore 18″ –
continuano Boccardo e Guarracino – “Non è assolutamente necessario esporre gli operatori del commercio a rischi maggiori di quelli che già corrono l’intera settimana.

Bisogna, inoltre, che tutti i clienti stiano bene attenti a rispettare la distanza di sicurezza di almeno un metro e bisogna garantire il rispetto da parte delle aziende del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento delle diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro e dotare tutti i lavoratori del commercio di adeguati dispositivi di protezione, quindi guanti, mascherine, visiere e gel disinfettanti, perchè sono proprio loro i più esposti al rischio contagio, essendo quotidianamente a contatto con l’intera popolazione.

Ci vogliono più accortezze e più rispetto per questi lavoratori: l’appello è alla politica tutta, alle Forze dell’Ordine, alle aziende ed alle Associazioni datoriali. Vigilate, vigilate, vigilate: noi vi aiuteremo a segnalare gli abusi, perchè anche così fermeremo il contagio.

Solo col rispetto di tutti e per tutti, andrà tutto bene” – concludono Tecla Boccardo e Pasquale Guarracino.

Commenti Facebook