La pandemia è costata agli italiani 5.420 euro a testa

241

Lo studio realizzato dal Consiglio e dalla Fondazione Nazionale dei Commercialisti “Il debito pubblico italiano e il Covid 19” ha misurato l’impatto dell’emergenza sull’economia italiana mettendola a confronto con quella dei paesi del G20 ed ha dedotto che nel 2020 la pandemia da Covid -19 è costata all’italiano medio 5.420 euro a testa, di cui 2.371 euro di minore Pil pro capite e i restanti 3.049 euro di incremento di debito.

Nell’analisi, condotta a partire dai più recenti dati del Fondo Monetario Internazionale, emerge che il crollo del Pil reale per l’Italia, stimato per l’anno trascorso al -9,2%, (-8,9% secondo gli ultimi dati Istat) sia il peggiore calo dopo quello dell’Argentina (-10,4%) e dell Regno Unito (-10%) mentre, a causa di un rimbalzo troppo corto nel 2021, l’Italia presenterebbe il calo del Pil maggiore nel biennio 2020-2021 (-6,5%).

 Nel 2020, la spesa pubblica aggiuntiva e gli sgravi fiscali per far fronte alla pandemia hanno raggiunto il 6,8% del Pil collocando l’Italia al 9° posto nel G20. In termini pro-capite, cioè in media , per ogni italiano, il sostegno statale è stato pari a 1.858 euro, molto meno che in Germania (4.414 euro), in Francia (2.677 euro), negli Stati Uniti (9.311 euro) o nel Regno Unito (5.752 euro).

Considerando che nel 2020 la perdita media per ogni italiano del Pil è pari a 2.371 euro, il sostegno statale di 1.858 euro non è stato sufficiente a coprirla generando una perdita di 513 euro pro-capite, mentre per la Francia il risultato è stato di -120 euro e per la Germania di +1.841 euro.

Per quanto riguarda il debito pubblico, nel nostro paese, l’anno scorso, in termini pro-capite è aumentato di 3.049 euro, nel 2021 aumenta di altri 2.372 euro a testa e nel biennio cresce in totale di 5.421 euro, per effetto della pandemia, il debito pubblico italiano a livello pro-capite, cioè per ogni italiano, in media passa da 39.864 euro del 2019 a 42.913 euro del 2020, nel G20 si colloca al terzo posto insieme al Canada e dopo Stati Uniti e Giappone e nel 2021 arriva a 45.285 euro.

Lo studio evidenzia come il nostro sia uno dei paesi più colpiti a livello mondiale nel Pil e nel rapporto debito/Pil, allo stesso tempo è uno di quelli che meno ha adoperato la leva finanziaria per resistere alla crisi pandemica, da cui deriva una perdita di Pil nominale pro capite piuttosto rilevante.

Le analisi e i dati presentati nella ricerca mettono in luce significativi profili di rischio per l’economia italiana tra cui il pericolo di nuovi shock fiscali che potrebbero aggravare la pressione fiscale italiana, già di per sé molto elevata.

Secondo Miani “è necessario promuovere politiche fiscali espansive maggiormente coerenti con la situazione di estrema difficoltà delle imprese e delle famiglie italiane e nello stesso tempo impiegare al meglio le risorse del Recovery Fund. Ma occorre anche ridiscutere, a livello europeo, le regole fiscali che governano la finanza pubblica. È assolutamente imprescindibile riconsiderare la sostenibilità del debito pubblico italiano alla luce delle mutate condizioni economiche post-pandemiche. Solo così si eviteranno shock pericolosi per l’economia del Paese che colpirebbero in modo sensibile la ricchezza degli italiani”.

Alfredo Magnifico

Commenti Facebook