Aci Molise, Giovanni Caturano lascia dopo 34 anni: “Il saluto al Molise”6

458

Nel momento in cui, con grande entusiasmo, vado ad assumere altri incarichi per l’ACI, lascio con profondo rammarico gli Automobile Club Campobasso e Isernia dopo una lunga e ricca esperienza di vita personale e professionale in questa splendida regione.

         Sono arrivato in Molise nel 1985 e da allora le mie vicende professionali, sebbene con alcune incursioni in altre terre, si sono sempre incrociate con il Molise. Nel 1994 ho ricoperto il mio primo incarico di Conservatore del PRA e di Direttore, prima a Isernia e poi a Campobasso conservando l’interim su Isernia. Per me è stato un grande privilegio condividere 34 anni di lavoro e 25 anni di direzione con i tanti colleghi con i quali ho lavorato (alcuni purtroppo non sono più tra noi) e con i rappresentanti delle numerose istituzioni con le quali ho collaborato. Con la maggior parte di loro mi legano sentimenti di vera amicizia, che vanno ben al di là del semplice rapporto professionale.

         Sento qui il dovere, ma soprattutto il piacere, di ringraziare pubblicamente i diversi Presidenti e Commissari, i Consiglieri, i Revisori, i Delegati e Fiduciari sportivi che si sono alternati in tutti questi anni, i colleghi dei Pra e degli Automobile Club, i titolari e i collaboratori delle Delegazioni e delle Agenzie Sara Assicurazioni, dei Centri di Soccorso Stradale Aci Global e delle Autoscuole Ready2go, gli Ufficiali di Gara, i colleghi delle società collegate.

         Il mio saluto cordiale e sincero va ai Prefetti, ai Questori, ai Dirigenti, ai Funzionari e al Personale dei diversi Uffici operanti in Molise, ai Magistrati, ai Parlamentari, agli Amministratori regionali, provinciali e comunali, ai componenti delle diverse Commissioni, alle Forze dell’Ordine, ai Vigili del Fuoco e alle Polizie locali, ai rappresentanti delle Associazioni di categoria e dell’Università, ai Dirigenti Scolastici e ai Docenti; con tutti ho avuto spesso modo di collaborare e confrontarmi sulle tante tematiche di interesse dell’ACI.

         Un particolare saluto ai colleghi degli organi di informazione per essere stati sempre presenti nei numerosi eventi che abbiamo organizzato e soprattutto per aver dato ampio risalto alle importanti tematiche dello sport automobilistico e dell’educazione alla sicurezza stradale alle quali ho cercato di dedicare sempre, con convinzione e tenacia, un forte impegno per contribuire alla riduzione del devastante fenomeno dell’incidentalità stradale e del numero dei morti e feriti sulle strade.

         E’ difficile riassumere e rivivere in poche righe le tante attività realizzate con l’Aci in Molise. Tra le più significative, in una veloce e disordinata carrellata, posso ricordare i primi passi verso l’informatizzazione del Pubblico Registro Automobilistico, i numerosi Rally e Slalom tra i quali spiccano il Rally dell’Alto Molise, il Rally del Mare, il Rally di San Giuliano, il Rally dei Saraceni ed in particolare il Rally del Molise – Trofeo Carile e Trofeo Giuseppe Matteo – e lo Slalom Città di Campobasso Memorial Gianluca Battistini, assurti ai massimi livelli nelle rispettive categorie; l’organizzazione e la gestione della sosta a pagamento a Campobasso, venticinque anni di corsi agli alunni delle quinte elementari, la redazione e pubblicazione del Manuale “Patentino Facile” con l’organizzazione dei Corsi per il patentino in tutte le scuole dell’intera regione; la formazione degli Ufficiali di Gara; la presentazione in Consiglio Regionale di una legge regionale sulla sicurezza stradale; i Corsi di guida sicura per autisti di autobus e scuolabus; la redazione della rivista “Muoversi in Molise”; i tanti articoli pubblicati sulle testate locali in materia di sport automobilistico, mobilità e sicurezza stradale; i raduni di auto storiche; le iniziative con il Club Ferrari e i Club di auto d’epoca; i campi didattici per i bambini; le interviste radio e TV; i gran premi di kart; l’Udienza Giubilare con il Santo Padre; la formazione ai giornalisti sulla sicurezza stradale; le premiazioni regionali e interregionali dei campioni del volante e la valorizzazione dello sport automobilistico; la gestione regionale della convenzione tasse automobilistiche; le campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale, il servizio “Invita revisione”; il progetto europeo sulla Transumanza presentato a Bruxelles; le Feste dei motori e le Notti bianche dei motori; i Corsi di guida sicura agli stranieri per gli Ambasciatori della Sicurezza Stradale; il raggiungimento del label europeo Common Assessment Framework e il riconoscimento di qualità Caf Effective User; i Corsi di formazione per Docenti; la stretta collaborazione con il CONI; i progetti di alternanza scuola-lavoro; i diversi corsi di sicurezza stradale tra i quali quelli alle “mamme in attesa” per il trasporto in sicurezza dei bambini; lo sviluppo delle nuove tecnologie con PagoPA, le pagine social, la digitalizzazione dei documenti ed ora il Documento Unico di Circolazione; il progetto di sviluppo regionale e la nascita dell’Automobile Club Molise; le campagne di promozione e fidelizzazione associativa che fanno oggi dell’Aci Molise la più grande associazione sul territorio regionale con oltre 8.000 soci.

        Scorrono nella memoria tante iniziative (sicuramente con numerose dimenticanze) ma soprattutto scorrono tante emozioni e tanti nomi che non si possono dimenticare e che rimarranno sempre vivi nella mente e nel cuore.

        Al Molise, la mia seconda terra (tanto da aver meritato l’inserimento del mio nome nel libro dei Molisani doc), alla sua bella gente, ai numerosi  amici che ho incontrato e che spero di conservare, dico GRAZIE per le tante soddisfazioni e i graditi riconoscimenti che avete voluto regalarmi in questi anni, e a ciascuno rivolgo il mio più caloroso saluto di commiato con l’augurio di altrettante soddisfazioni nella vita privata e nel lavoro.

        Con affetto sincero

        Giovanni Caturano

Commenti Facebook