Visite private in ospedale: 5 indagati, uno agli arresti domiciliari

E’ stata notificata la misura restrittiva agli arresti domiciliari  firmata dal gip del Tribunale di Larino e chiesta dal procuratore capo Ludovico Vaccaro per il ginecologo Saverio Flocco, in servizio nel reparto di Ginecologia del nosocomio di Termoli. Sotto indagine sono finiti  anche un altro ginecologo Vincenzo Bifernino , per il quale non è stata accolta la misura restrittiva,  l’amministratore delegato di una società farmaceutica con sede in una regione diversa dal Molise, il legale rappresentate della stessa società e il responsabile della distribuzione. Le ipotesi di reato  vanno a vario titolo dalla truffa alla corruzione al peculato. I militari hanno  recapitatato gli avvisi di garanzia nel pomeriggio di ieri. Al centro degli accertamenti dei Carabinieri anche l’esercizio della professione privata di ginecologo nelle mura ospedaliere.

Secondo le prime indiscrezioni i medici avrebbero utilizzato le strutture sanitarie pubbliche per fornire prestazioni di natura privata con relativi pagamenti in nero. Inoltre sarebbe stata favorita la ditta farmaceutica finita sotto la lente dei magistrati nei rapporti con i molisani indagati e con l’ospedale.

Commenti Facebook