Carrese di Ururi/ la minoranza al Comune chiede le dimissioni del Sindaco Primiani

222

Continuano le polemiche ad Ururi dopo la decisione del sindaco Raffaele Primiani di sospendere la Carrese. La minoranza ha chiesto le dimissioni del primo cittadino.

“Alla luce del comunicato stampa del sindaco di Ururi del Primo maggio 2018, scaturito dopo la riunione svoltasi nella stessa data alle ore 9 presso il Comune di Ururi, riunione alla quale non è stato ritenuto opportuno invitare il capogruppo di minoranza, nella persona di Teresa Intrevado:

Premesso che: Su Ururi nessun atto scritto è pervenuto dall’organo prefettizio; che nessun divieto da parte di Istituzioni gerarchicamente superiori alla posizione del Sindaco gravano sulla nostra manifestazione; che il parere della Cuv (Commissione Unica di Vigilanza) sarebbe stato pressoché identico a quello degli anni passati, anni nei quali con l’atto di ordinanza del sindaco si dava avvio alla Carrese;

che l’ordinanza prefettizia rivolta al Comune di San Martino in Pensilis riguardava esclusivamente quest’ultimo, e non le Carresi in generale; che le criticità e la sicurezza riguardanti il percorso di San Martino in Pensilis sono completamente diverse da quelle del percorso di Ururi;

che la decisione di pochi amministratori di annullare tutti i preparativi e quindi la Carrese del 3 Maggio è frutto solo di ipotesi, di forse, di se e di ma, giustificando il tutto con il buon proposito di non spendere inutilmente i soldi della comunità per realizzare interventi necessari alla messa in sicurezza, ipotizzando un divieto che forse sarebbe potuto arrivare… , cosa che era possibile anche negli anni passati ma che nessuno può avere la certezza che possa arrivare;

che si è presa una decisione di importanza vitale per la nostra comunità, per la nostra secolare tradizione, per la nostra economia locale, senza neppure preoccuparsi di interpellare i rappresentanti dei cittadini, seppure in minoranza;

ravvisando quindi in questa presa di posizione solamente una volontà di non assumersi le responsabilità che il ruolo amministrativo obbliga ad assumere;

chiede a gran voce le dimissioni immediate dell’intera amministrazione comunale a partire dalla figura del sindaco perché se si vuole amministrare un comune come Ururi occorre avere la competenza e il coraggio di farlo”.

Commenti Facebook