Nuova monografia di Antonio Crecchia, saggista e poeta molisano, sulla scrittrice Rita Notte

620

Poeta, scrittore, storico, drammaturgo, saggista e ricercatore di tradizioni relative al suo paese d’origine (Tavenna), Antonio Crecchia,  pubblica un nuovo studio monografico: Il mondo poetico di Rita Notte  (Ediemme – Cronache Italiane – Salerno, dicembre 2013).

Scrittrice e poetessa nativa di Castelpetroso, Rita Notte, figlia d’arte, già docente di Lingue e Letterature Straniere negli istituti superiori, risiede a Isernia. Ha al suo attivo la pubblicazione di quindici volumi, tra prose e poesie, oltre alla paternità di due canzonieri, depositati presso la SIAE.

Definita da Crecchia “un’artista della parola”, ha cominciato  a pubblicare in sordina con l’avvento del XXI secolo, nella pienezza della sua formazione intellettuale e professionale, della maturità, della coscienza di sé e delle proprie potenzialità creative ed espressive. “Una scelta oculata – si legge ancora nella presentazione – per dire che sì, ella è figlia del XX secolo, ma sul piano della cultura e della letteratura si stacca e si differenzia totalmente da esso, proponendo una nuova scrittura, un nuovo orientamento alla sensibilità poetica, un nuovo profilo ai valori che presiedono le potenzialità affettive, cognitive e relazionali dell’individuo proiettato in una dimensione in rapida e costante evoluzione verso obiettivi da raggiungere senza fretta, senza l’assillo di cogliere la palma della vittoria letteraria da sventolare ai quattro venti.

Un caso letteraio, dunque, tutto da scoprire, incoraggiare e valorizzare.Il volume curato egregiamente da Crecchia (208 pagine), in bella veste tipografica, è stato realizzato non solo con la massima cura  da EDIEMME per quanto riguarda il lavoro redazionale ma anche con la scelta di materiali di prima qualità per interno e copertina – plastificata – e optando per l’allestimento con cucitura a filo refe.

A Termoli è reperibile nell’edicola di Piazza del Papa; a Isernia nella Nuova Libreria Diocesana (Piazza Andrea d’Isernia)

A.C.

Commenti Facebook