Vertenza Astec. Petraroia: evitare i licenziamenti e rilanciare le attività industriali molisane

502

petraroia michele 1Alle ore 12 del 23 dicembre presso l’Assessorato al Lavoro, su convocazione del Dirigente del Settore, proseguirà il confronto tra le organizzazioni sindacali metalmeccaniche ed i vertici aziendali dell’ASTEC di Pozzilli (IS) per evitare il licenziamento di 40 lavoratori a fine dicembre. L’impresa che opera nell’indotto dell’auto ed è fornitrice della multinazionale “Saint Gobain” ha avviato le procedure di collocazione in mobilità previste dalla legge n.223/91 e dopo il verbale di mancato accordo in sede territoriale ha sollecitato l’attivazione del confronto presso la Regione Molise che ha 30 giorni di tempo per evitare la perdita del posto di lavoro ai 2/3 degli occupati dell’ASTEC.

Già nella precedente riunione ci si è soffermati su misure alternative ai licenziamenti quali l’utilizzo di 13 settimane di cassa ordinaria o la possibilità di accedere ad un ulteriore periodo di contratto di solidarietà, ma su entrambe queste ipotesi serve una verifica con la sede INPS per accertarne la percorribilità tecnica visto che l’azienda ha già superato l’utilizzo di 36 mesi nel quinquennio di copertura degli ammortizzatori sociali. Nei pochi giorni che mancano al 31 dicembre si dovrà accertare la sussistenza dei requisiti per la cassa in deroga nel 2014 anche se al momento mancano certezze a livello nazionale sia sui requisiti che sui fondi e sui criteri. Ciò che si evidenzia con la vertenza ASTEC è la profondità della crisi industriale in cui versa il Molise che non risparmia il settore metalmeccanico e coinvolge l’indotto dell’auto ubicato in gran parte nel Nucleo di Pozzilli – Venafro. Per questo servirebbe uno strumento di programmazione negoziata quale un Contratto di Sviluppo da concordare con la Presidenza del Consiglio dei Ministri per attutire i disagi delle crisi devastanti dell’ITTIERRE e della GAM-SOLAGRITAL. Solo l’unità d’intenti del territorio, dei lavoratori e delle imprese, invocata a gran voce questa mattina dall’Arcivescovo Bregantini nell’antica Cattedrale di San Bartolomeo a BOJANO, può accompagnare il Molise fuori dalla palude della rassegnazione e della protesta senza proposta. Quel messaggio illustrato in una chiesa semivuota di una città smarrita è l’unica strada che potrà condurci fuori dalla crisi.
Michele Petraroia

Commenti Facebook