Trasporto pubblico: I pericoli del servizio sostitutivo

570
La notizia di un incidente stradale, avvenuto ieri l’altro, tra un camion ed un bus sostitutivo di Trenitalia non ci sorprende affatto. La prevedibile incidentalità su quella strada, la cui struttura risulta limitativa alla circolazione dei mezzi pesanti del trasporto merci e viaggiatori  è  uno degli elementi che ha indotto i rappresentanti dei lavoratori, i rappresentanti degli utenti e l’Assessore ai Trasporti della Regione Molise, a chiedere a Trenitalia, alcuni mesi fa,  di rivedere la discutibile decisione di chiudere totalmente la linea Termoli-Campobasso per l’effettuazione dei preventivati lavori di ammodernamento.
Infatti la giustificata ostinazione delle Parti coinvolte, ha permesso di tenere parzialmente aperta la linea, almeno tra Campobasso e Larino e ciò ci  induce a potere affermare, che seppur in condizioni non critiche di viabilità, merito di questa  stagione invernale particolarmente clemente, di aver evitato numerosi incidenti.
Tutto ciò porta un elemento di riflessione sulle  possibili future decisioni di inopportune chiusure delle linee ferroviarie: considerare i costi indiretti di danni a cose ma soprattutto a persone dovuti alla incidentalità stradale ed i danni ambientali dovuti ad inquinamento anche essi non direttamente ed immediatamente quantificabili. Ricordare quindi la minore incidenza di incidenti(Ci si perdoni il gioco di parole) nel trasporto ferroviario ed agire con provvedimenti anche se temporanei, conseguenziali ci pare buona pratica.  
 
Presidente Forum Trasporto Pubblico Locale
Filippo  Poleggi
 
 
 

Commenti

commenti