Termoli/ Il Comitato ‘No tunnel’: “L’ora della verità!”

112

Come è ormai noto, mercoledì 17 ottobre p.v., la Variante Parziale al Piano Regolatore Generale di Termoli relativa al cosiddetto progetto Tunnel approda in Consiglio Regionale.Ci sia consentito, innanzitutto, sottolineare che quello chiamato da tutti “il grande scempio” sarebbe già stato realizzato se da più di tre anni non ci fosse stato una forte iniziativa civica da parte dei cittadini di Termoli che costituitisi in Comitato Referendario hanno portato alla luce la natura distruttiva di storia, paesaggio e cultura del progetto nonché la sua forte impronta speculativa.

I cittadini di Termoli sono stati messi a conoscenza degli aspetti fortemente negativi del progetto che l’Amministrazione Comunale si è guardata bene di diffondere, tenendoli ben nascosti.Assemblee, incontri, banchetti, manifestazioni hanno fatto sì che i cittadini di Termoli prendessero seria coscienza del pericolo che incombe sulla città, tanto che oggi la gran parte di essi rigetta con decisione tale progetto. Adesso però sono le forze politiche presenti in Consiglio Regionale a dover dire una parola che auspichiamo definitiva.Non tutto però appare trasparente e lineare. Ci risulta, infatti, che in Regione c’è chi tra Assessori e Dirigenti sostiene che il Consiglio Regionale non è competente in materia, poiché la procedura seguita sotto il profilo urbanistico, sia esaurito in Conferenza di Servizi.Non staremo qui a dimostrare la totale infondatezza di tale tesi che, a nostro avviso, svela un atteggiamento pilatesco che in realtà favorisce il disegno dell’Amministrazione Comunale di Termoli. Infatti, se trascorrono i novanta giorni dal ricevimento della documentazione la Variante s’intende automaticamente approvata in base all’istituto del silenzio assenso.

Le forze politiche che finora, a parole, si sono dette contrarie al Tunnel e a quanto vi è connesso devono ora dimostrare con i fatti da che parte stanno. Eventuali silenzi, rinvii e tergiversazioni non potranno che essere lette come intrecci e connivenze con i fautori del progetto.A dimostrazione della competenza specifica e irrinunciabile del Consiglio Regionale in materia di Varianti Urbanistiche abbiamo inviato un promemoria ai Consiglieri Regionali perché ne tengano conto.

I cittadini di Termoli saranno informati di tutto questo e soprattutto di quanto accadrà in Consiglio Regionale in un’Assemblea Pubblica che convocheremo al più presto.Nel frattempo rivolgiamo un appello ai cittadini di Termoli. A quelli che possono, nonostante la giornata lavorativa, di venire a Campobasso e a tutti di seguire la vicenda in maniera vigilante attraverso gli organi d’informazione.

Comitato e Coordinamento Termoli No Tunnel

Commenti Facebook