Soppressione corse sostitutive di Trenitalia. La CGIL chiede un incontro tra le parti interessate

483

trenoLa CGIL visti i notevoli disagi causati dal provvedimento della Soc. Trenitalia Spa del Gruppo F.S. di sopprimere due autocorse del Servizio sostitutivo, in partenza da Caserta e da Vairano, con destinazione Isernia e Campobasso nella fascia oraria mattutina di maggior frequentazione , disagio che produce uno stato di tensione tale da richiedere l’intervento delle forze dell’ordine, intervento ribadito nella mattinata di oggi, con l’intervento di tre autovetture di pronto intervento;
 – vista la nota inviata al Sindaco di Venafro, dalla Segreteria Provinciale di una sigla sindacale delle forze di P.S. attraverso cui veniva  manifestata enorme preoccupazione per gli effetti, inizialmente supposti, ma poi  purtroppo confermati, che il provvedimento ha prodotto;

– vista la non ancora risolta problematica della limitata capienza dell’unico bus adibito, in quella fascia oraria, al servizio sostitutivo FS;
– prevedendo un ulteriore aggravamento della già delicata situazione, per la mancata  effettuazione dell’unica corsa ancora in Orario, dal giorno 23 dicembre(compreso), al giorno 6 gennaio 2014;
– considerata la apprensione di questa O.S. in ordine al mancato raggiungimento del posto di lavoro dei dipendenti pubblici e privati, utenti abituali di quel servizio bus, molti dei quali costretti all’utilizzo del mezzo privato per non incorrere in sanzioni disciplinari da parte dei loro Datori di lavoro;
– vista la esposizione degli autisti degli autobus, rispetto alla esasperata utenza, molte volte chiamati a rispondere di decisioni assunte altrove,
                        chiede  
alla Autorità in indirizzo,
la convocazione, in tempi brevissimi, di un incontro tra le Parti interessate alla problematica per la definitiva soluzione della stessa.
Auspicabile la presenza  alla discussione, del rappresentante politico dell’Assessorato Regionale, della Società fornitrice del servizio, dei rappresentanti dei lavoratori e dei rappresentanti le Associazioni dei Consumatori.

Per la Segreteria Confederale CGIL
Giorgio Simonetti

Commenti Facebook