Mercati finanziari/ La verità di Papa Francesco “Che Guevara” Primo

777

E mo’ ci si mette pure il Papa. Francesco “Che Guevara” Primo nella sua enciclica sull’ambiente ci è andato giù duro, perfettamente a ragione aggiungiamo noi. Le banche sono state risanate (l’unico problema è che non sono state nemmeno risanate) sulla pelle della gente. Questo ha detto con precisione chirurgica  il gesuita di origini italiane. Una posizione ineccepibile, lineare e perfettamente in linea con quello che deve essere il messaggio di un erede del messaggio di Gesù: D’altronde quello che il club di banchieri (per lo più americani ma con qualche strapuntino per inglesi, tedeschi e forse un francese) ha combinato a popoli come quello greco neanche una guerra combattuta con armi letali avrebbe potuto farlo. Il tutto e secondo i dettami a suo tempo seguiti da Goebbels, con l’appoggio di un sistema informativo corrotto e prezzolato, condito da una propaganda assorbente che ha scimunito il popolo e lo ha reso in qualche caso consenziente con l’aguzzino (ma ve lo ricordate voi la santificazione di Mario Monti e del suo loden?). Insomma Papa Francesco ha detto la verità e ha confernato come il sistema non funziona più e deve essere rivisto in profondità. Ma ora quello che più preoccupa non è l’uomo in bianco del Vaticano (lo affronteremo dopo ) bensì lo sfascio di Atene. Ebbene lì c’è poco da fare e sarebbe il caso di evitare almeno l’ultimo dolore al popolo greco, con assalti alle banche e distruzione di bancomat (come successe a Cipro, che però era messa molto meglio). Basterebbe avviare quello che in una normale azienda si fa da sempre, ossia una procedura di concordato preventivo con riduzione del debito e suo riscadenzamento. Staremo a vedere, intanto i mercati beccheggiano. Oggi iniziano positivi, con qualche decimale in verde per il FtseMib e un più robusto 0,8 per il Dax. Cambio con il dollaro a 1,13 (misteri della finanza, con una Grecia così l’euro invece si rafforza) e lo spread sul Bund risalito sopra i 150. (Pietro Colagiovanni)

Commenti Facebook