Jazz in Campo, al via la tre giorni di musica a Campodipietra. Prima serata con Emanuele Bertelli e Antonio Sorgentone

151

Dopo il grande successo delle prime serate sul tratturo e a San Giovanni in Galdo, tutto pronto a Campodipietra per l’attesissima tre giorni di chiusura della quindicesima edizione del festival Jazz in Campo – Jazz in Galdo.  Domani, giovedì 18 luglio, si parte con due straordinari musicisti che soprattutto grazie ai loro successi televisivi hanno conquistato il pubblico dei giovani e non solo.

Primo a salire sul palco di piazza Rimembranza sarà il cantante e pianista 17enne Emanuele Bertelli.  Ha cominciato a cantare all’età di 9 anni, studiando dizione e comunicazione. Quando aveva 10 anni ha partecipato alla trasmissione di Rai Uno “Ti lascio una canzone”. Nel 2014 ha cantato insieme al Charleston Mass Choir, uno dei migliori cori Gospel del mondo. Il giorno del suo tredicesimo compleanno lo ha passato su un palcoscenico in Bulgaria, davanti a 10mila persone che hanno assistito alla presentazione della sua prima canzone inedita “Voce mia”. L’edizione 2018 di X Factor lo ha consacrato al grande pubblico: ha partecipato nella categoria Under Uomini affidata a Mara Maionchi. Alle audizioni ha incantato pubblico e giudici con un pianoforte e una voce incredibili eseguendo “Human” di Rag’n’Bone Man, il cui video su YouTube ha superato due milioni di visualizzazioni.

Subito dopo la serata vedrà come protagonista Antonio Sorgentone, vincitore dell’ultima edizione del fortunato talent televisivo Italia’s Got Talent. Cantante, pianista, considerato tra i migliori nel suo genere in Italia, Sorgentone nel suo repertorio propone un mix di 50’s R’n’R, boogie woogie, brani originali e classici swing italiani di grandi del passato come Renato Carosone o Fred Buscaglione. Durante gli spettacoli grazie al suo carisma sul palco e alla sua bravura tecnica riesce a conquistare tutti i tipi di pubblico, ha alle sue spalle più di 600 concerti in Italia e in Europa. Vanta collaborazioni con artisti come gli americani Marvin Rainwater e Hayden Thopson della mitica Sun Records, due legende del country e del rockabilly, e Boppin Steve con il quale ha suonato in Svezia nel 2009 su un palco con due pianoforti. Ha firmato la colonna sonora del film “La Patente” di Alessandro Palazzi e un suo brano originale è stato scelto come colonna sonora di diversi spot pubblicitari in Francia e Polonia. Ha all’attivo “Let’s boogie tonight”, cd di brani originali prodotto dall’etichetta romana Micca records, e “Burlesque Christmas”, cd di classici natalizi, riarrangiati in chiave Rock and Roll, Swing e Dixieland.

Il festival proseguirà venerdì 19 sempre a Campodipietra con i NeaCo’, supergruppo che propone la canzone napoletana contaminata da tantissimi generi musicali. Chiusura sabato 20 con, in apertura di serata, il duo Mafalda Minnozzi e Paul Ricci con “Ritratti in bossa e jazz”. A seguire il festival renderà omaggio a uno dei più raffinati cantautori italiani, Ivan Graziani, ospitando il figlio Filippo che canta le canzoni del padre.

Durante tutti i tre giorni di musica sarà allestita la mostra fotografica di Marcello Tronca che racconta i 15 anni della manifestazione. Ci sarà inoltre, come di consueto, l’area dedicata all’enogastronomia con menu diversi ogni sera, dedicati ai prodotti tipici. Jazz in Campo – Jazz in Galdo è organizzato dai Comuni di Campodipietra e San Giovanni in Galdo con le associazioni Amici del Morrutto e Il Tratturo e con la collaborazione della Regione Molise.

Commenti Facebook